Ilenia Pesce

Come risolvere le disequazioni di secondo grado

Come risolvere le disequazioni di secondo grado

Ecco tutti quello che c’è da sapere come risolvere le disequazioni di secondo grado senza troppi problemi

18 Maggio 2018 16.38

Like me!

La matematica, si sa, è una delle materie più difficili da studiare quando si va a scuola. Ma ‘la matematica non un’opinione’ e quindi, con alcuni suggerimenti, può essere compresa senza troppi problemi. In particolare scopriremo come risolvere le disequazioni di secondo grado senza perdere la testa. Andiamo a scoprire tutti i passaggi da fare.

Disequazioni di secondo grado: come risolverle?

Le disequazioni di secondo grado si risolvono, trovando gli intervalli che costituiscono la soluzione. Per farlo bisogna scomporre il polinomio in un solo prodotto per poi studiare il segno di ogni singolo fattore e, quindi, risolvere la disequazione. In alternativa per risolvere la disequazione, si può ricorrere all’interpretazione grafica (leggi anche cosa vuol dire equivalente in geometria).

Interpretazione grafica

Per effettuare l’interpretazione grafica senza problemi, la prima cosa da fare è scrivere la disequazione nella forma ax2+bx+c<0. Subito dopo, prendere la parabola associata y=ax2+bx+c, disegnandola e stabilire la concavità (deve essere verso l’alto se a è maggiore di 0, verso il basso se a è minore di 0) e le intersezioni con l’asse delle x (leggi anche quali sono gli esercizi utili per la memoria). Se si prende ad esempio il caso in cui a è maggiore di 0, le intersezioni con l’asse x corrispondono a ax2+bx+c=0. Fare dunque un disegno della parabola, stabilendo per quali valori di x la parola è sotto l’asse delle ascisse (ax2+bx+c<0) o sopra l’asse delle ascisse (ax2+bx+c>0).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *