Assunta Dagnone

Come si fa la glassa di zucchero

Come si fa la glassa di zucchero

La glassa di zucchero è una preparazione che ha anticipato un po’ la pasta di zucchero tanto utilizzata oggi in pasticceria

04 Gennaio 2019 14.32

Like me!

La glassa di zucchero è chiamata anche glassa all’acqua ed è una preparazione da sempre molto impiegata in pasticceria. Un tempo ricopriva i dolci di un delicato colore bianco, mentre oggi viene arricchita da polvere glitter e coloranti vari.

La glassa in passato rivestiva i dolci più tradizionali come bignè e cassate, mentre oggi la troviamo spesso su donuts, biscotti e torte.

Leggi anche "come fare lucida la pasta di zucchero"

La ricetta per la glassa

Per preparare la glassa di zucchero serve avere: 200 g di zucchero a velo, due cucchiai di acqua calda e un colorante alimentare a piacere. Lo zucchero si rovescia in una ciotola, dove si aggiunge un cucchiaio di acqua e si mescola, poi si ripete il procedimento con il secondo cucchiaio.

Se risulta troppo fluida o troppo densa, si uniscono ancora zucchero oppure acqua. Si versa anche il colorante e si miscela bene finchè non è pronta per guarnire i dolci.

Come conservarla

La glassa di zucchero si conserva per due o tre giorni in frigorifero. Se si dovesse asciugare troppo prima di riutilizzarla, basta inserire poca acqua calda per ridarle la giusta fluidità. Questo prodotto si usa per decorare i dolci, ma non è adatta come farcitura.

Come usarla per guarnire

La realizzazione è veloce e piuttosto facile, per cui a parte qualche colorante o dei glitter non necessita di attrezzature specifiche. Si può versare direttamente sul dolce e poi spalmare con una spatola.

Volendo essere più precisi nella decorazione, può essere pratica una sacca da pasticciere con cui coprire i dolci di glassa. Inoltre si possono predisporre dei disegni da riprodurre sulla carta forno e una volta asciutti, incollarli sulla torta, ad esempio con della gelatina di albicocche.

Leggi anche "come fare lo zucchero a velo in casa"

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *