Cosa festeggiano gli Ebrei a Pentecoste

La Pentecoste Ebraica, una festa di ringraziamento.Festeggiata sette settimane dopo la Pasqua, la Pentecoste, anche detta  Shavuot è una festa che ricorda la consegna della Torah sul Monte Sinai.Pentecoste deriva dal termine cinquanta, riferito ai giorni che la separano dal secondo gior...

03 Febbraio 2016 10.40
Like me!

La Pentecoste Ebraica, una festa di ringraziamento.

Festeggiata sette settimane dopo la Pasqua, la Pentecoste, anche detta  Shavuot è una festa che ricorda la consegna della Torah sul Monte Sinai.

Pentecoste deriva dal termine cinquanta, riferito ai giorni che la separano dal secondo giorno della Pasqua ebraica.

La Shavuot è anche una festa legata alla mietitura del grano che, nell’antico popolo di Israele, durava, appunto 7 settimane. Il momento della mietitura era occasione di grande festa che ripagava delle fatiche fatte per la coltura del grano.

Come si festeggia la Pentecoste Ebraica

Ai tempi di Gesù, la Pentecoste durava un solo giorno, mentre, ai giorni nostri, essa dura 2 giorni. Le Sinagoghe vengono abbellite con fiori e piante per accogliere i fedeli i quali saranno impegnati nella lettura dei dieci comandamenti. Chi intende essere ligio al massimo, effettua una veglia notturna, durante la quale si dedica alla meditazione profonda delle Scritture.

Se, un tempo, la Pentecoste era un momento per offrire dei sacrifici al Dio, in ricordo e a suggello della promessa reciproca, oggi la Shavuot si festeggia seguendo alcune usanze tipiche come quella di consumare latticini che può essere spiegata come il ripiego che il popolo di Israele fece, dopo aver ricevuto gli ordini su come macellare la carne e, non avendo tempo di prepararla secondo le leggi Kosher, consumò, nell’attesa, prodotti a base di latte.

Shavuot, l’occasione giusta per fare un pellegrinaggio al Muro del Pianto

Nel 1967, al termine della Guerra dei Sei Giorni, poco prima della Shavout, Israele recuperò la parte occidentale del Muro Del Pianto, così, dopo diciannove anni, gli Ebrei ebbero nuovamente accesso a quel luogo sacro e in 200.000 vi si recarono a piedi, proprio nel giorno della Pentecoste. E’ così diventato un uso effettuare un pellegrinaggio massivo al Muro del Pianto nel giorno della Shavout, cosa che ogni ebreo sogna di fare almeno una volta nella vita.

La Shavout sarà celebrata, nel 2016, il 12 e il 13 giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *