Marzia Colla

Cosa sono le cure palliative

Cosa sono le cure palliative

Quali sono le cure palliative necessarie per sentirsi meglio durante la malattia

20 Novembre 2018 08.00

Like me!

Quando le terapie non sono più sufficienti per un certo tipo di malattia si possono utilizzare le cure palliative per controllare il dolore, i problemi emotivi e sociali del malato.

Sono cure che servono non solo al paziente, ma anche alla sua famiglia e a tutta la comunità in generale perché proteggono e aiutano.

Infatti, provvedono ai bisogni del paziente sia in ospedale che a casa o in qualunque altro luogo scelto per la degenza. Alla fine, non sono altro che un modo migliore per affrontare la malattia. 

Leggi anche: Cure palliative in Italia, un diritto ma non per tutti

Le cure palliative e le sue figure professionali 

Nel caso di una malattia progressiva e cronica il paziente necessità di controllare il dolore, evitare il disagio emotivo e psicologico e quindi migliorare la vita.

Per ottenere questo stato di cose sono necessarie delle cure palliative che vengono elargite da medici, infermieri, assistenti sociali e fisioterapisti, ma anche dalla famiglia stessa che diventa una figura indispensabile per l'eventuale guarigione oppure per l'assistenza al malato fino alla fine.

Leggi anche: Terapia del dolore, una tecnica snobbata in Italia

Cure palliative approfondimenti 

La cura palliativa in senso stretto non è rivolta esclusivamente al paziente terminale o al moribondo e non rinnega la medicina scientifica, ma trova posto all'interno della stessa sul lato umano e assistenziale.

Operando così si ottengono dei vantaggi notevoli durante l'andamento della malattia anche inguaribile dato che la cura offre sollievo alla sofferenza, e prevenzione.

Si identifica in questo modo un trattamento al dolore e al percorso psicofisico del malato. In poche parole, le cure palliative tendono sicuramente a favorire la guarigione e se questo non fosse possibile cercano di alleviare gli aspetti sociali, spirituali e sanitari.

Aiutano la famiglia del malato e soprattutto il paziente sia in ospedale che a domicilio, in Hospice o in tutte le altre location a livello territoriale regionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *