Redazione

Dove costa meno vivere in Europa

Dove costa meno vivere in Europa

Crisi economica e lavorativa spingono sempre più persone a recarsi in altri paesi europei per realizzare i propri sogniIl periodo odierno, non è certamente il migliore per sognare una vita felice in cui possono avverarsi i propri desideri: un lavoro sicuro per molti, per altri il sogno …

11 Febbraio 2016 10.37

Like me!

Crisi economica e lavorativa spingono sempre più persone a recarsi in altri paesi europei per realizzare i propri sogni

Il periodo odierno, non è certamente il migliore per sognare una vita felice in cui possono avverarsi i propri desideri: un lavoro sicuro per molti, per altri il sogno di una famiglia ed una casa che permettano una vita serena e così via.

La crisi è arrivata dentro le vite della maggior parte delle persone con conseguenti perdite di posti fissi, di bollette  e mutui sempre più alti, rendendo così le proprie vite cupe e colme di preoccupazioni e di “come farò a…”.

Fortunatamente però ci sono molti paesi europei dove potersi trasferire per vivere una vita più che dignitosa e serena.

I sei paesi europei più economici

Il Portogallo è il paese più economico d’Europa, perchè offre servizi e soluzioni abbordabili per molti. Chi decide di vivere in Portogallo lo fa soprattutto per  mettere in pratica il concetto di decrescita felice o, per dirla all’inglese, del downshifting.

La Romania offre prezzi economici e mediamente bassi sia in ambito turistico sia per quanto concerne vitto ed alloggio. La Romania offre visite  a musei e monumenti a prezzi davvero irrisori. Qui spesso si trasferiscono moltissime aziende e ditte perché la burocrazia è molto più semplice  e veloce, le tasse sono eque ed il costo del lavoro basso.

La Bulgaria grazie al clima gradevole soprattutto in periodo estivo, è un’altra meta economica e ricercata; inoltre non presenta nessuna limitazione di visto e di permanenza essendo un paese europeo.

La Germania è il paese con la più solida e stabile economia. Qui si recano moltissimi giovani grazie proprio alle innumerevoli opportunità che vi si trovano. Berlino offre un costo di vita molto basso ed alle opportunità lavorative affianca anche spazi di relax negli innumerevoli parchi, svago nelle birrerie e per gli amenti dell’arte offre visite ai musei sparsi in tutta la città. La stessa situazione economica si può trovare anche nella altre cittadine tedesche. L’unica pecca è che  se si decide di trasferirsi in Germania per lavorare e vivere, si deve sapere la lingua tedesca.

La Norvegia offre un’economia stabile e lavoro sicuro con stipendi alti e di tutto rispetto. Si cercano sempre nuove figure professionali. Inoltre la Norvegia è uno tra i paesi più sicuri a livello europeo, oltre ad essere il più pulito. L’unico disagio è la scarsità di luce ed il freddo costante.

L’ultimo paese di questa classifica, ma non per importanza, è la Polonia. L’economia qui non risente della crisi grazie soprattutto all’elevata innovazione del popolo polacco sempre in continua crescita, consentendo un costo della vita molto basso. Non è necessario sapere il polacco perché tutti parlano la lingua inglese. In Polonia si può vivere bene e con serenità nelle città di Varsavia e Cracovia che offrono ricche opportunità di lavoro e di svago.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *