Redazione

Le regole di condominio

Le regole di condominio

Una panoramica sulle norme generali, necessarie ad una buona convivenza in condominio, con uno sguardo alle ultime novità in materiaGli articoli del Codice Civile che vanno dall’art.1117 all’art 1139, sono quelli che regolamentano, tutto quello che riguarda la gestione del condominio.In…

28 Gennaio 2015 12.34

Like me!

Una panoramica sulle norme generali, necessarie ad una buona convivenza in condominio, con uno sguardo alle ultime novità in materia

Gli articoli del Codice Civile che vanno dall’art.1117 all’art 1139, sono quelli che regolamentano, tutto quello che riguarda la gestione del condominio.

In particolare, nell’articolo 1138, si sancisce l’obbligatorietà di un regolamento condominiale scritto, qualora il numero dei condomini, sia superiore a 10.

Nel regolamento, secondo quanto citato nel Codice Civile, devono essere presenti in linea generale, le norme che seguono.

Norme circa l’uso delle cose comuni e della ripartizione delle stesse

Sono quelle che regolano per esempio, l’utilizzo di terrazze, cortili, scale, tetto, impianti e mura esterne dell’edificio.

Ce ne sono alcune, che per esempio specificano, che le superfici in comune, devono essere lasciate libere da oggetti d’ingombro, appartenenti al singolo condomino, per permetterne il godimento, senza intralci, da parte di tutti.

Per quanto riguarda gli impianti, il Codice Civile, ha introdotto invece, un’ importante innovazione, che prevede per il condomino, la possibilità di astenersi dall’utilizzo di quello centralizzato di riscaldamento o condizionamento, se ciò non comporta squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini.

In questo caso, il regolamento del condominio, prevederà comunque per questo condomino, la partecipazione alle spese straordinarie di manutenzione e messa a norma dell’impianto, anche nel caso in cui se ne sia reso indipendente.

Norme per la tutela del decoro dell’edificio

In queste rientrano senz’altro, la pulizia degli ambienti comuni, le destinazioni d’uso dei vari locali, che devono rimanere esclusivamente abitative e non devono prevedere, l’emissione di sostanze maleodoranti o tossiche, o rumori molesti , soprattutto nella fascia oraria che va dalle ore 22.00 alle 8.00 del mattino successivo e d’estate (per poter permettere il riposo pomeridiano), dalle 14.00 alle 16.00.

Il recente articolo 1138 del Codice Civile, impedisce il veto dell’assemblea condominiale sulla detenzione di animali, nel rispetto delle regole di convivenza di base.

Qualora esse vengano infrante si potrà procedere, anche penalmente, contro chi lascia per esempio, un animale incustodito per tutto il giorno, nel proprio appartamento, per andare a lavoro, violando così l’apposita norma del codice penale che fa riferimento ad abbandono di animale.

Norme relative all’amministrazione

Sono quelle che vanno dalla nomina dell’ amministratore, alla gestione delle spese di manutenzione ordinaria e straordinaria dell’edificio.

L’articolo 1129 del Codice Civile, istituisce l’obbligatorietà per l’amministratore, di accendere un conto corrente bancario o postale, intestato al condominio, facendo riferimento al quale, ciascun condomino, chiedendo una lista dei movimenti (a suo carico), possa avere un rendiconto diretto delle entrate e delle spese effettuate.

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *