Miriam Zozzaro

Mia Martini come è morta

Mia Martini come è morta

La causa di morte della cantante italiana

25 Febbraio 2019 07.22

Like me!

Mia Martini, un nome che racchiude in sé davvero tanto. Un’artista dall’enorme talento musicale conosciuto e ricordato ancora oggi in tutto il mondo.

La nascita di una stella

Mia Martini è il nome d’arte di questa grande cantante italiana che qualche settimana fa è stata ricordata dal film “Io sono Mia” andato in onda sulla Rai.

Il suo vero nome è Domenica Bertè ma veniva chiamata da tutti Mimì ed era questo il nome con cui interpretò le sue prime canzoni. Quando incontra il discografico Crocetta però le consiglia di cambiare il suo nome con uno che poteva essere ricordato più facilmente anche oltreoceano.

Così nasce il nome con cui la ricordiamo oggi: Martini per la facilità con cui poteva essere pronunciato anche all’estero e Mia, in onore dell’attrice preferita Mia Farrow.

Leggi anche: Cantautori italiani contemporanei 

Vita tra successi e cadute

Mia Martini ha una voce incredibile e se ne accorgono tutti, tanto che il suo successo non tarda ad arrivare. Il successo però crea invidie nel suo ambiente che fanno nascere voci infondate che la sua presenza porti sfortuna.

Malelingue che potrebbero passare inosservate, ma che al contrario si diffondono così rapidamente che Mia Martini non viene più invitata a nessuno spettacolo televisivo o concorso canoro e i suoi dischi non passano più in radio.

Comincia così un periodo per l’artista di entrate e uscite di scena, fino al 1995 quando Mia Martini muore.

La morte di Mia Martini

Mia Martini viene ritrovata morta nel suo letto e con le cuffie del suo walkman, il giorno del 14 maggio del 1995 dopo che i vigili del fuoco fiondano nella sua casa dietro insistenza del suo manager che non ha più sue notizie da giorni.

Mesi dopo l’autopsia fatta sul corpo della cantante, viene dichiarato che la sua morte è dovuta a un’overdose di cocaina.

Leggi anche: Paul McCartney: la leggenda della morte 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *