Origine del nome “chiacchiere”

Informazioni e curiosità sul dolce più amato del carnevaleLe chiacchiere fanno parte della tradizione italiana da millenni. Già ai tempi dell’antica Roma, i cittadini della Urbe erano soliti festeggiare i saturnali con le frictilia. Per questa festività, simile al carnevale, le frictili...

03 Febbraio 2015 16.39
Like me!

Informazioni e curiosità sul dolce più amato del carnevale

Le chiacchiere fanno parte della tradizione italiana da millenni. Già ai tempi dell’antica Roma, i cittadini della Urbe erano soliti festeggiare i saturnali con le frictilia. Per questa festività, simile al carnevale, le frictilia erano distribuite per strada alla massa che usciva a festeggiare.

Una volta diffusa la religione cattolica, le chiacchiere erano apprezzate nel tempo di Quaresima, in cui non si poteva mangiare la carne, da cui il nome carnevale: carne levarem. Perciò i dolci, tra cui le chiacchiere erano nutrienti e buonissime da mangiare proprio in periodo di festa.

Per fare questo dolce ci vogliono uova, farina, burro e zucchero: bastano pochi ed elementari ingredienti per creare una gran quantità di chiacchiere.

Oggi queste vengono chiamate in vari modi: chiacchiere in Meridione, bugie in Liguria, frappe nel Centro Italia, cenci in Toscana, etc. Il nome varia di regione in regione ma il sapore rimane delizioso dovunque. Comprate al supermercato, fatte da soli o dalla nonna, le chiacchere rimangono una tradizione dolciaria da non saltare durante le feste, anche se fritte e ipercaloriche.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *