Chiara Lazzarotto

Perchè i castori fanno le dighe

Perchè i castori fanno le dighe

Simpatici, un pò goffi eppure i castori sono grandi architetti e costruttori di dighe. Lavoratori infaticabili dalle mille risorse.

26 Novembre 2018 08.23

Like me!

Simpatici e cicciotti, i castori stanno quasi scomparendo in Europa. Il problema è il bracconaggio. Infatti la pelliccia di castoro è molto ricercata. Ma il castoro è anche un ottimo architetto ed ingegnere, sa costuire dighe e prova d'acqua e di eventuali ospiti indesiderati.

A cosa servono le dighe

Le dighe servono ai castori principalmente per due motivi:

  1. come protezione per le loro tane costruite sull'acqua e con almeno un ingresso subacqueo;
  2.  come difesa dai predatori, grazie ai fossati che si formano dalla stagnazione dell'acqua intorno alle dighe.

I castori, fanno parte della famiglia dei roditori che vivono sia a terra sia in ambiente acquatico, e sono dei veri e propri architetti di dighe e tane. Le dighe infatti diventano una protezione fondamentale per le tane che ospitano i castori.

Il procedimento è il seguente: il castoro costuisce una specie di stagno grazie a rami, tronchi, terra, pietre e fango che andranno poi a formare quello che sarà il rifugio e la casa dei castori. Appena lo stagno è ben formato si passa alla costruzione di uan rete di canali molto fitta che servono come magazzini per il cibo che si consuma nel periodo invernale, vie di fuga e tana vera e propria. Sulla tana vengono così costruite vere e proprie dighe che svolgono anche la funzine di canali di scolo per evitare che la tana si allaghi.

Le dighe usualmente hanno una larghezza di tre metri alla base e si presentano più strette al piano superiore e sono alte circa un metro e mezzo.

Leggi anche "Canada, il castoro è out"

Curiosità

I castori, soprattutto quelli americani, sono dei veri e propri costruttori di dighe.  In Colorado, nella zona delle Montagne Rocciose, è stata trovata una digha lunga oltre 300 metri.

Leggi anche "Il castoro assassino"

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *