Andrea Arivetti

Perchè si chiama Colosseo

Perchè si chiama Colosseo

Le origini del nome: "Colosseo"

22 Gennaio 2017 09.30

Like me!

Il Colosseo è uno dei simboli di Roma. Milioni di turisti, provenienti da ogni parte del mondo, visitano, infatti, questa imponente costruzione che, nel 2007, è entrata nell'elenco aggiornato delle 7 meraviglie del mondo moderno.

Ma ecco un po' di storia del Colosseo.

Questa bellissima costruzione venne commissionata intorno al 70-72 d.C dal'imperatore Vespasiano: come dono al popolo romano. Il Colosseo che si ha, comunque, la fortuna di vedere anche oggi non è che 1/3 della costruzione originaria, che era molto più grande e dotata di un infinito numero di ingressi e poteva ospitare moltissime, ma davvero moltissime migliaia di spettatori.

Ma perchè questa enorme struttura si chiama: "Colosseo"? Ecco il significato del nome.

All'inizio, l'oggi: "Colosseo" si chiamava "Anfiteatro Flavio" (fu costruito da Tito e da Vespasiano della dinastia Flavia). Il nome: "Colosseo" è arrivato, soltanto, nel Medioevo. Prima teoria, e quella più diffusa: questo fu chiamato così perchè la sua struttura fu costruita, "mattone" dopo "mattone" vicino alla statua del "colosso" di Nerone, che si trovava a pochi metri da questo famoso anfiteatro.

Altri sostengono che il nome: "Colosseo" derivi dalla posizione: perchè nascerebbe su un colle dove, una volta, era collocato il tempio di Iside (da cui "Collis Isei").

Ma c'era, anche, un'altra "supposizione". Questa la più inquietante. Girava, infatti, una "leggenda nera" secondo la quale il Colosseo fosse, nell'antichità, un tempio pagano, dove era diffusa l'adorazione del demonio. E, alla fine di ogni cerimonia, i sacerdoti chiedevano ai vari adepti: "Colis Eum"? (dal latino: "Adori Lui?")

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *