Miriam Schinocca

Quali sono i balli da sala

Una breve guida ai balli da sala, una delle discipline più importanti d’Italia

29 Dicembre 2017 09.00

Like me!

Abitudini alimentari, costumi, stili di vita, cambiano di Paese in Paese e di Nazione in Nazione.

Accanto a questi, anche nel ballo bisogna distinguerne le tipicità.  

Se nell’America latina, ad avere la meglio sono i balli caraibici e latinoamericani, in Europa, e in Italia nel nostro caso, vanno forte i balli da sala.

Quali sono i balli da sala

La macro categoria di questi particolari tipi di ballo comprende:

  • Il Valzer lento, caratterizzato da una flessibilità nei movimenti che conferisce al ballo una grande eleganza e dolcezza;
  • Il Tango, che va però distinto dal tango argentino, famoso per la sua sensualità. Il tango da sala è, infatti, più contenuto ma mantiene, allo stesso modo, un’atmosfera tipicamente di coppia;
  • Il Fox Trot, dal ritmo abbastanza veloce, tanto che il nome significa letteralmente “trotto della volpe”.

Ma, negli anni, il ballo da sala si è evoluto e perfezionato. Per cui, possiamo includere alla lista anche la Mazzurca, la Polka, il Cha Cha Cha, la Bachata e, perché no, anche i balli di gruppo.

Essi hanno cominciato a prendere forma, e a ricevere sempre più consenso e importanza, nel nostro Paese, a partire dalla seconda metà del Novecento, travolgendo sia le persone adulte che i giovani.

Non a caso, oggi il ballo da sala è riconosciuto ufficialmente dall’Associazione Nazionale Maestri di Ballo (A.N.M.B.) come una delle discipline più importanti in Italia.

Non mancano scuole specializzate, le quali consentono ai propri iscritti, sempre più in aumento, di imparare queste tecniche, e competizioni dedicate interamente ai balli da sala, con lo scopo, naturalmente, di far appassionare quante più persone possibili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *