I dati sui contagi da coronavirus in Italia del 27 marzo

Redazione
27/03/2020

Mai così tanti morti in un solo giorno: 969. Il totale delle vittime sale così a 9.134 dall'inizio dell'epidemia. In lieve calo i casi attivi (+4.401, 66.414 in totale), mentre l'incremento delle persone guarite quasi si dimezza (+589, 10.950 complessive). L'Italia ha ufficialmente superato la Cina per numero di infettati.

I dati sui contagi da coronavirus in Italia del 27 marzo

Mai così tanti morti con coronavirus dall’inizio dell’emergenza in Italia. Le vittime, nelle ultime 24 ore, sono state 696 (comprese le 50 relative a ieri ma non conteggiate), portando il numero totale a 9.134. Secondo i dati ufficiale della Protezione civile, crescono anche i casi attivi: 66.414 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a ieri di 4.401, mentre giovedì l’incremento era stato di 4.492. Il numero complessivo dei contagiati – comprese le vittime e i guariti – ha raggiunto così i 86.498 . Quasi si dimezzano le persone guarite: sono 10.950 in totale, 589 in più di ieri, mentre il 27 marzo sono state 999.

LEGGI ANCHE: Fontana ottimista: «Sta iniziando il calo dei contagi»

CRESCE ANCHE LA TERAPIA INTENSIVA: +120 RISPETTO A IERI PER UN TOTALE DI 3.732 RICOVERATI

In crescita anche il numero dei ricoverati in terapia intensiva: 120 in più rispetto a ieri, per un totale di 3.732. Di questi, 1.292 sono in Lombardia. Dei 66.414 malati complessivi, 26.029 sono poi ricoverati con sintomi e 36.653 sono quelli in isolamento domiciliare.

LEGGI ANCHE: L’appello dei medici dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo

L’ITALIA SUPERA LA CINA PER CONTAGI TOTALI

L’Italia ha così superato per contagi da coronavirus la Cina, ferma a quota 81.897, secondo quanto riporta la Johns Hopkins University. In questo momento l’Italia ha superato anche gli Usa (86.102), secondo i calcoli della stessa università, diventando il primo Paese al mondo per contagi. Ma nelle prossime ore sono attesi i dati dall’America, dove il virus sta accelerando molto più che in Italia e ci si aspettano quasi 100 mila casi.

ARCURI: «IN TRE GIORNI CONSEGNATE 9,6 MILIONI DI MASCHERINE»

«Oggi consegniamo 136 ulteriori impianti di terapia intensiva, negli ultimi due giorni ne abbiamo consegnati 142», ha detto il commissario Domenico Arcuri in conferenza stampa alla Protezione civile. «Negli ultimi tre giorni abbiamo consegnato complessivamente 9,6 milioni di mascherine. Un’impresa italiana che produce ventilatori dalla prossima settimana raddoppierà la produzione, da 25 a 50 ventilatori al giorno. La logica è diventare in fretta autosufficienti», ha aggiunto Arcuri.

LEGGI ANCHE: I medici morti nell’emergenza coronavirus salgono a 46

ARCURI: «A CENTINAIA HANNO ADERITO A “CURA ITALIA”»

«Quanto all’incentivo “Cura Italia” (50 milioni, ndr), molte centinaia di cittadini e imprese si appalesano per contribuire a produzione dispositivi di protezione individuale», ha spiegato il commissario. «Altre aziende italiane hanno raddoppiato la produzione di caschi per attenuare il rischio che i pazienti finiscano in terapia intensiva. Un consorzio di imprese nazionali intorno al settore della moda ha avviato la produzione di 1,5 milioni mascherine in una settimana a partire da lunedì».