I primi passi di Curiosity sul pianeta Marte

Redazione
22/08/2012

Dopo l’atterraggio dello scorso 6 agosto Curiosity ha mosso i primi passi su Marte. Il robot-laboratorio della Nasa ha completato...

I primi passi di Curiosity sul pianeta Marte

Dopo l’atterraggio dello scorso 6 agosto
Curiosity ha mosso i primi passi su Marte.
Il robot-laboratorio della Nasa ha completato con successo il suo
primo test di guida, percorrendo quattro metri e mezzo dal sito
di arrivo (guarda il video dell’atterraggio).
Quest’ultimo, ha annunciato il 22 agosto la Nasa in una
conferenza stampa, è stato dedicato allo scrittore di
fantascienza Ray Bradbury, che si è spento a Los Angeles il 5
giugno scorso e autore, tra l’altro, del libro Cronache
marziane.

Nel suo primo test di guida su Marte, Curiosity ha anche compiuto
una rotazione di 120 gradi e quindi é nuovamente avanzato di
circa due metri e mezzo.
AL LAVORO PER DUE ANNI. Attualmente il robot si
trova a circa sei metri dal sito in cui è atterrato. Curiosity,
hanno detto gli esperti della Nasa, ha ora completato la fase di
collaudo ed è pronto a cominciare la sua avventura su Marte: due
anni a raccogliere campioni rocce e suolo in cerca di tracce di
vita passata.
Il robot si muove con prudenza, come in una sorta di rodaggio, ma
non appena questa fase sarà superata si prevede che sarà in
grado di percorrere da 50 a 100 metri durante un giorno marziano,
la cui durata è confrontabile con quella di un giorno
terrestre.
Nel frattempo i test degli strumenti che il robot ha condotto
finora hanno dato i primi risultati. Ad esempio, dai primi dati
relativi alle analisi delle rocce che Curiosity ha eseguito con
la ChemCam emerge che l’idrogeno è presente solo nella parte
più superficiale delle rocce.