I sindacati Usa modello per l’Italia

Redazione
27/09/2010

Nuovo affondo di Sergio Marchionne,  amministratore delegato del gruppo Fiat e di Chrysler al sindacato italiano. L’attacco è stato sferrato a...

I sindacati Usa modello per l’Italia

Nuovo affondo di Sergio Marchionne,  amministratore delegato del gruppo Fiat e di Chrysler al sindacato italiano. L’attacco è stato sferrato a margine dell’assemblea dell’Anfia (Associazione nazionale filiera industria automobilistica) di lunedì 27 settembre, commentando la presenza in Italia di una delegazione dell’Uaw (United auto workers), il sindacato automobilistico americano.
Il manager ha sottolineato le differenze sostanziali tra l’Italia e gli Stati Uniti in termini di rapporti con i sindacati di categoria. «La presenza negli stabilimenti Fiat italiani  dell’Uaw fa parte di un processo di scambio di informazioni e di rafforzamento di una relazione nata bene e che continua ad andare bene perché abbiamo un obiettivo condiviso».
Cosa che Marchionne sta cercando disperatamente di far capire anche ai nostri sindacati.
«Certo» ha aggiunto «ogni mercato e ogni situazione è differente, ma c’è un impegno vero da parte loro da cui dobbiamo cercare di imparare».