Idf: «Eroica battaglia a Gaza», Blinken a Tel Aviv

Redazione
03/11/2023

Il segretario di Stato americano incontrerà il primo ministro israeliano Netanyahu. Tra gli obiettivi della visita, evitare un allargamento del conflitto e ottenere una pausa nei combattimenti. Atteso per il pomeriggio di venerdì 3 novembre il discorso del leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah. Superate le 9 mila vittime palestinesi dall'attacco del 7 ottobre. Gli aggiornamenti.

Idf: «Eroica battaglia a Gaza», Blinken a Tel Aviv

Mentre c’è attesa e tensione per il discorso da Beirut del libanese Hassan Nasrallah, capo di Hezbollah, per l’impatto che potrebbe avere sulla regione e per le conseguenze sul conflitto tra Israele e Hamas, continuano gli scontri a Gaza. L’Idf ha parlato di un «eroica battaglia» nella notte, all’interno della Striscia, tra esercito israeliano e palestinesi. «Loro sono stati uccisi e noi continuiamo la nostra operazione fino alla vittoria» si legge su Telegram. E ancora: «le forze a terra hanno diretto attacchi aerei di aerei e artiglieria. I terroristi sono stati uccisi e il pericolo per le truppe è stato eliminato». Intanto, il segretario di Stato americano Antony Blinken è atterrato a Tel Aviv, dove incontrerà il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. Si tratta della prima tappa nella regione per evitare che il conflitto Israele-Hamas si allarghi all’interno del Medio Oriente.

Blinken proporrà una “pausa di 12 ore” in cambio del rilascio degli ostaggi

Secondo Sky news Arabia, il segretario di Stato americano Antony Blinken “presenterà alla parte israeliana una proposta per una pausa umanitaria temporanea di 12 ore, rinnovabile, in cambio del rilascio della maggior parte dei ostaggi stranieri”.

Droni Usa su Gaza in cerca di ostaggi

Alcuni droni americani hanno sorvolato la Striscia di Gaza in cerca degli ostaggi israeliani rapiti da Hamas e dalle fazioni palestinesi. Lo riportano i media che citano fonti anonime Usa secondo cui i droni stanno raccogliendo informazioni per aiutare nella localizzazione degli ostaggi. Secondo una delle fonti, i droni sono al lavoro da oltre una settimana.

Sette palestinesi uccisi nella notte in Cisgiordania

Sono almeno 7 i palestinesi che sono stati uccisi nella notte in Cisgiordania. Fonti mediche hanno riferito che quattro sono stati uccisi e 12 feriti in un raid notturno dell’esercito israeliano nel campo profughi di Jenin, durato circa nove ore. Nel campo profughi di al-Fawwar, a sud di Hebron, le forze israeliane hanno ucciso almeno due palestinesi e ne hanno feriti altri cinque, mentre un’altra vittima palestinese è stata registrata in quello di Qalandiya vicino a Ramallah. Continuano gli scontri a Tulkarem.

Sale il numero delle vittime

Da quando Hamas ha attaccato Israele il 7 ottobre, sono 1.400 gli israeliani uccisi e almeno 9.061 le vittime palestinesi, per lo più donne e minori (più di 3.700 i bambini) e oltre 32 mila i feriti. I bombardamenti hanno costretto più della metà dei 2,3 milioni di abitanti del territorio ad abbandonare le proprie case. Cibo, acqua e carburante stanno scarseggiando e gli ospedali della Striscia sono sull’orlo del collasso.