Il gioiello è ai Parioli

Redazione
14/10/2010

 di Adelaide Pierucci Non solo Montecarlo. Sotto la lente d’ingrandimento della procura di Roma non c’è più soltanto l’appartamento al...

Il gioiello è ai Parioli

 di Adelaide Pierucci

Non solo Montecarlo. Sotto la lente d’ingrandimento della procura di Roma non c’è più soltanto l’appartamento al numero 14 di Boulevard Princesse Charlotte.
Oltre al mezzanino monegasco venduto da An a società offshore e finito nelle mani di Giancarlo Tulliani, cognato del presidente della Camera Gianfranco Fini, il procuratore aggiunto Gianfilippo Laviani è stato chiamato a valutare la cessione e il passaggio di mano dell’intero patrimomio della contessa Anna Maria Colleoni lasciato ad An «nella persona del suo presidente, Fini, come contributo per la buona battaglia».
C’è la casa sul mare, a Ostia, venduta per rimpinguare le casse del partito. Quella di Monterotondo, pure ceduta. Quella dove la contessa viveva, in viale Somalia: stessa sorte.
Poi le tenute, sempre vendute. E il gioiello di famiglia, un appartamento nel quartiere Parioli: 14 vani più box di 13 metri, in un palazzo di pregio dei primi del ‘900. L´unico mai messo in vendita, né affittato.
E’ la perla lasciata dalla contessa Colleoni. Un bene il cui valore di mercato si aggira dai 3 ai 4 milioni di euro, un tempo rendita della contessa, ma ormai – come ha potuto verificare Lettera43 – lasciato da dieci anni chiuso, in disuso, in attesa di destinazione.
Marco Di Andrea e Roberto Buonasorte, i due esponenti della Destra di Storace che hanno sollevato l’apertura di una prima inchiesta ipotizzando il reato di truffa aggravata nella vendita di Montecarlo, hanno chiesto al procuratore aggiunto Laviani di sottoporre l’appartamento dei Parioli, al civico 40 di via Giovanni Paisiello, a sequestro preventivo.
Il motivo? «Per evitare che quel bene possa seguire la stessa sorte di Montecarlo», ha spiegato a Lettera43 Di Andrea, che di professione fa l’avvocato. «L’intero patrimonio della contessa era stato stimato da An circa 400 milioni di vecchie lire, ma solo l’appartamento di Montecarlo venduto secondo noi a prezzo stracciato e finito nelle mani del cognato di Fini ne vale più di 1 milione e mezzo. Per i Parioli stiamo largamente sopra ai 3 milioni. Non è detto che la sorte sia la stessa, ma è giusto dubitare, prevenire».