Il maltempo insiste al centro-sud

Redazione
22/01/2011

Prosegue l’ondata di maltempo che da circa 40 ore sta interessando gran parte dell’Italia. Nella notte le nevicate hanno interessato...

Il maltempo insiste al centro-sud

Prosegue l’ondata di maltempo che da circa 40 ore sta interessando gran parte dell’Italia. Nella notte le nevicate hanno interessato il nodo bolognese del tratto appenninico dell’A1, le autostrade abruzzesi A24 Roma-L’Aquila-Teramo ed A25 Roma-Torano-Pescara, la SS3 BIS-E45 Orte-Ravenna.
NEVE A QUOTE BASSE. Dalla tarda mattinata nevica a Campobasso e in gran parte della provincia, area del cratere compresa, a quote medio basse. Al momento non si segnalano grosse difficoltà per quanto riguarda la circolazione stradale. Il maltempo non ha risparmiato la costa abruzzese e molisana con temperature rigide e temporali. Un avviso di burrasca e’ stato emesso dalla Capitaneria di Porto di Termoli: il bollettino meteomarino prevede mare agitato e vento di nord-est a forza 8. Decine di scuole sono state chiuse a causa della forte nevicata in provincia di Viterbo. Le zone più colpite sono state il comprensorio dei Cimini, Montefiascone e l’Alta Tuscia. In alcune aree la neve ha raggiunto i 20-25 centimetri.
STOP AI MEZZI PESANTI. Neve sull’A24 tra Carsoli e Teramo e con particolare intensità tra Assergi e Teramo; i mezzi pesanti vengono temporaneamente fermati all’altezza della barriera di Teramo-Val Vomano verso Roma e tra Tivoli e Castel Madama in direzione opposta. Neve sull’A25 tra Magliano dei Marsi e Sulmona: è attivo un punto di fermo temporaneo e stoccaggio dei mezzi pesanti diretti verso Roma tra Villanova e Chieti; sulla E45 neve sul valico del Verghereto tra San Sepolcro sud e Canili con obbligo di catene a bordo o pneumatici invernali.
PROBLEMI SULLA A1. Sull’A1 Milano-Napoli il tratto tra Arezzo e Monte San Savino è chiuso a causa di un incidente tra mezzi pesanti accaduto verso le 6 in direzione Roma e per il quale si sono formati 4 km di coda: le operazioni di soccorso si sono rivelate molto complesse ed hanno reso necessario l’allestimento dell’uscita obbligatoria ad Arezzo con rientro in autostrada attraverso la viabilità ordinaria a Monte San Savino.
LENTO MIGLIORAMENTO. Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse, che integra ed estende quelli diffusi nei giorni scorsi e che prevede il persistere di precipitazioni sul centro-sud del nostro Paese. I fenomeni potranno assumere carattere di rovescio o temporale localmente forte sulle regioni del medio versante adriatico e sui settori costieri tirrenici meridionali, mentre la quota neve è confermata al di sopra dei 200-400 metri sulle regioni adriatiche e su Basilicata e Calabria al di sopra dei 600-800 metri.