Il Nizza sospende il difensore Youcef Atal per apologia di terrorismo

Redazione
18/10/2023

Il calciatore algerino ha condiviso su Instagram il video di un predicatore che incitava ad azioni ostili contro gli ebrei. Martedì 17 ottobre il Magonza ha sospeso Anwar El Ghazi per un post in favore della Palestina.

Il Nizza sospende il difensore Youcef Atal per apologia di terrorismo

Il Nizza ha annunciato di aver sospeso «fino a nuovo ordine» il difensore Youcef Atal, al centro di un’indagine preliminare per apologia di terrorismo dopo un post legato al conflitto tra Israele e il movimento palestinese Hamas. Anche se il nazionale algerino ha cancellato subito la pubblicazione e si è scusato, il club francese ha spiegato in un comunicato di aver scelto di «adottare immediatamente» le sanzioni, prima di quelle che potrebbero essere adottate dalle autorità sportive o giudiziarie, «data la natura delle sanzioni il post condiviso e la sua gravità».

LEGGI ANCHE: Il ministro degli Interni francese: «Benzema è legato ai Fratelli Musulmani»

Apologia di terrorismo, il Nizza sospende Youcef Atal: ha postato un video di un predicatore che incitava alla violenza contro gli ebrei.
Il difensore algerino Youcef Atal (Getty Images).

Il video del predicatore, poi cancellato

Atal aveva condiviso su Instagram il video del predicatore musulmano Mahmoud al-Hasanat, intento a pronunciare frasi che incitavano alla violenza antisemita, nel contesto del conflitto israelo-palestinese. A prendere posizione contro il terzino destro del Nizza, allenato dall’italiano Francesco Farioli è stato inizialmente Christian Estrosi, sindaco della città colpita da attentati islamisti nel 2016 e nel 2020: «Se si è lasciato strumentalizzare, presenti delle scuse, altrimenti non ha posto nel nostro Nizza». Atal aveva cancellato il video del predicatore, postando un messaggio a sostegno della pace e in ricordo di tutte le vittime. Ma non è servito.

Apologia di terrorismo, il Nizza sospende Youcef Atal: ha postato un video di un predicatore che incitava alla violenza contro gli ebrei.
Youcef Atal con la maglia dell’Algeria (Getty Images).

Atal è atteso dalla Procura di Nizza

In ritiro con l’Algeria dal 9 ottobre, il difensore è atteso a Nizza dai dirigenti del club. E anche dalla Procura locale. «Vogliamo sottolineare che la reputazione del Nizza deriva dal comportamento di tutti i suoi dipendenti, che devono essere conformi ai valori difesi dall’istituzione», ha spiegato il club, ribadendo «il fermo impegno a garantire che la pace prevalga su tutte le altre considerazioni». Classe 1996, Atal ha esordito come professionista nel Paradou di Algeri, approdando poi in Europa all’inizio del 2018, ingaggiato dai belgi del Kortrijk. Nell’estate di quell’anno è poi passato al Nizza. Vanta 32 presenze con l’Algeria, con cui ha vinto la Coppa d’Africa nel 2019.

LEGGI ANCHE: La guerra tra Hamas e Israele alimenta il ritorno del terrorismo?

Il Magonza aveva già sospeso El Ghazi

Il 17 ottobre, in seguito a un post pubblicato su Instagram (e poi rimosso) nel quale si schierava apertamente contro Israele e a favore della causa palestinese, Anwar El Ghazi è stato sospeso dal club tedesco del Magonza, che ha da poco ingaggiato a parametro zero dopo la fine della sua avventura al PSV Eindhoven.