Il pm: serve incidente probatorio

Redazione
04/10/2010

I pm di Salerno che indagano sulla morte di Elisa Claps hanno chiesto al giudice per le indagini preliminari un...

Il pm: serve incidente probatorio

I pm di Salerno che indagano sulla morte di Elisa Claps hanno chiesto al giudice per le indagini preliminari un nuovo incidente probatorio, in particolare ulteriori approfondimenti sugli esami del Dna. La richiesta dell’accusa arriva proprio mentre si era in attesa del deposito delle ultime perizie già disposte in primavera.
Per la morte della ragazza,  scomparsa 17 anni fa a Potenza e il cui cadavere è stato ritrovato il 17 marzo scorso nel sottotetto della Chiesa della Trinità, è accusato il 38enne Danilo Restivo. L’uomo è detenuto nel Regno Unito dallo scorso mese di giugno perché sospettato di un altro delitto, quello della sarta inglese Heather Barnett, e dovrebbe comparire davanti alla Crown Court di Winchester, per l’udienza preliminare, il prossimo 8 novembre.
La richiesta del pm mette in discussione gli esami del Dna già eseguiti dal professor Vincenzo Pascali, ordinario di medicina legale all’Università Cattolica del Sacro Cuore, sui reperti sequestrati nel sottotetto della Chiesa, sui quali non era stata trovata traccia del profilo genetico di Restivo. In particolare, il medico legale aveva estratto due Dna maschili, probabilmente di consanguinei, da macchie rilevate sul rivestimento di un materasso e su uno strofinaccio, ma essi erano risultati incompatibili con quelli estratti da oggetti sequestrati a Restivo.