Il prefetto di Napoli: Diodato deve lasciare

Redazione
11/10/2010

Il prefetto di Napoli ha invitato il Consiglio regionale della Campania a mettere in moto le procedure per la decadenza...

Il prefetto di Napoli: Diodato deve lasciare

Il prefetto di Napoli ha invitato il Consiglio regionale della Campania a mettere in moto le procedure per la decadenza del consigliere del Pdl Pietro Diodato, che alle ultime edizioni regionali è stato tra i più votati, con 27.000 preferenze. A carico di Diodato ci sarebbe una condanna passata in giudicato il 18 gennaio 2008 per i disordini scoppiati nei seggi elettorali la sera del 13 maggio del 2001 e per i quali Diodato è stato condannato a un anno e sei mesi con sospensione della pena. A Diodato è stata inflitta anche l’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni, a questa pena accessoria fa riferimento l’iniziativa della Prefettura. Il legale del consigliere regionale del Pdl Pietro Diodato, l’avvocato Giovanni Formicola: «Allo stato non risulta alcun provvedimento prefettizio , che sia di sospensione, revoca o destituzione, nei confronti del consigliere regionale della Campania Pietro Diodato. Né potrebbe risultare». Pietro Diodato stesso parla di una «manina» che avrebbe armato il prefetto, e aggiunge: «mi sembra strano che emerga adesso una condanna che risale a tre anni fa. Chi ha interesse a tirare fuori questa cosa oggi?Allora» prosegue il consigliere regionale «se ero ineleggibile non avrei dovuto ricoprire incarichi sin dal 2008».«Faccio notare, infine» conclude Diodato «che mentre per gli ultimi casi di sospensione dal Consiglio regionale, relativi ai consiglieri Gambino e Conte, è intervenuto il Consiglio dei Ministri, qui si è seguita una prassi diversa. Mi sembra tutto molto strano».