Il Sudafrica chiede tempo per i dipendenti Lonmin

Redazione
21/08/2012

In soccorso dei minatori è arrivato Jacob Zuma. Il presidente della repubblica sudafricana, leader dell’African national congress, ha chiesto alla...

Il Sudafrica chiede tempo per i dipendenti Lonmin

In soccorso dei minatori è arrivato Jacob Zuma. Il presidente della repubblica sudafricana, leader dell’African national congress, ha chiesto alla Lonmin, che gestisce la miniera di Marikana dove la polizia ha ucciso 34 minatori in sciopero, di sospendere l’ultimatum fissato per il 21 agosto ai suoi dipendenti che ancora non sono tornati al lavoro.
ULTIMATUM IN SCADENZA. La direzione della miniera aveva dato tempo fino al 21 agosto ai 3 mila operai in sciopero selvaggio per tornare al lavoro, pena il licenziamento.
Per la Lonmin sarebbe «controproducente» licenziare tutti quelli che sono ancora in sciopero, e potrebbe portare a nuove violenze.
LA LONMIN NON VUOLE LICENZIARE. «Non aiuterebbe nessuno licenziare tutti gli operai che non si presenteranno al lavoro oggi, sarebbe un passo indietro in termini di fiducia e di rischio di violenza», ha detto Mark Munroe, vicepresidente della Lonmin.
«Non faremo alcuna mossa formale per licenziare gli operai oggi, ma per chi non verrà al lavoro ci saranno conseguenze», ha aggiunto.
La Lonmin è il terzo più grande produttore di platino al mondo.