Ilaria Salis, attivisti occupano il consolato ungherese a Venezia

Redazione
09/02/2024

Trenta giovani del centro sociale Rivolta hanno fatto irruzione chiedendo un intervento al governo e che la 39enne venga liberata.

Ilaria Salis, attivisti occupano il consolato ungherese a Venezia

Alcuni attivisti del centro sociale Rivolta hanno occupato il consolato ungherese di Venezia con striscioni per chiedere la liberazione di Ilaria Salis. Almeno trenta i giovani che hanno fatto irruzione nella sede di piazzale Roma, secondo quanto spiegato da Sky Tg24. Hanno chiesto un intervento risoluto al governo italiano e al ministro della Giustizia Carlo Nordio, contemporaneamente in visita a Palazzo Bo di Padova. Sugli striscioni che hanno introdotto all’interno della sede del consolato la scritta «Ilaria Salis libera subito».

Gli attivisti: «Vogliamo la sua libertà»

Il collettivo di attivisti ha pubblicato la foto sul proprio profilo Instagram. Durante la protesta, invece, hanno dichiarato: «Siamo qui perché vogliamo la sua libertà, perché questo processo è una farsa che vuole solo punire l’antifascismo, in uno stato dove vengono non solo tollerate, ma promosse, le ronde antimigranti ai confini. È una politica antidemocratica. Non possiamo abituarci a una situazione come quella che sta vivendo Ilaria Salis. In un paese europeo oggi c’è un’assenza totale di diritti umani, con la collaborazione del governo italiano che fino a qui non ha detto nulla». Riguardo alla protesta, invece, «si tratta di un’azione per alzare l’attenzione sul caso Salis e fare pressione sui due governi, italiano e ungherese, che dovranno rendere conto delle proprie azioni».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Centro Sociale Rivolta (@csrivolta)