Incendio all’esterno dell’ospedale di Teramo: nube nera in città

Valentina Sammarone
07/11/2023

Le fiamme sono state subito spente dai vigili del fuoco accorsi sul posto. Poco dopo è arrivato anche il direttore generale Maurizio Di Giosia, che ha spiegato: «Stavano montando un vaporizzatore che improvvisamente ha preso fuoco. Nessun disagio per i pazienti».

Incendio all’esterno dell’ospedale di Teramo: nube nera in città

Nella mattina di martedì 7 novembre 2023 un incendio si è propagato nell’area esterna dell’ospedale Giuseppe Mazzini di Teramo. Le fiamme sono state spente subito dai vigili del fuoco accorsi sul posto, ma la nube nera è arrivata in città generando un po’ di timore tra i cittadini. Il direttore generale Maurizio Di Giosia ha riferito quanto accaduto e rassicurato tutti, personale sanitario e pazienti.

L’incendio causato da un vaporizzatore

«Stavano montando un vaporizzatore e improvvisamente ha preso fuoco. Non ci saranno disagi per l’ospedale e per i pazienti ricoverati», ha spiegato. Pare che, mentre gli operai erano intenti a utilizzare una mola, da questa siano fuoriuscite delle scintille che avrebbero provocato l’incendio della plastica. Sul posto è arrivato anche il sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto.

La nota dell’Asl: «Nessun pericolo corso»

In mattinata, l’Asl ha diffuso una nota sull’accaduto: «L’intervento immediato prima del personale al lavoro e subito dopo il tempestivo arrivo dei vigili del fuoco ha consentito lo spegnimento del rogo. L’area tecnologica in cui si sono sviluppate le fiamme è molto distante non solo dalla centrale termica, ma anche dalle strutture sanitarie. Nessun pericolo corso da degenti e personale sanitario al lavoro e nemmeno dalle strutture: in poche decine di minuti è tornato tutto alla normalità. Sul posto sono intervenuti, oltre ai vigili del fuoco, anche polizia e carabinieri. Sul luogo dell’incendio è arrivato subito il direttore generale Maurizio Di Giosia, per verificare che tutto fosse sotto controllo».