Redazione

Paura a New York, elicottero contro grattacielo: almeno un morto

Paura a New York, elicottero contro grattacielo: almeno un morto

10 Giugno 2019 20.29
Like me!

Un elicottero si è schiantato sul tetto di un grattacielo a New York. Facendo tornare, almeno per pochi istanti, l’incubo dell’11 settembre e la paura di un attacco terroristico. Ma fin dalle prime ricostruzioni è stato chiaro che si è trattato solo di un drammatico incidente: un atterraggio brusco o di emergenza con un bilancio preliminare di almeno un morto, il pilota del velivolo su cui non vi erano altri passeggeri.

La dinamica dell’accaduto non è ancora chiara ma, secondo le prime indicazioni, l’atterraggio finito male potrebbe essere stato causato dal maltempo. L’ipotesi al momento più accreditata, secondo indiscrezioni, sarebbe quella di un’emergenza: il tetto dell’edificio non è infatti munito di una pista d’atterraggio e probabilmente un problema improvviso ha costretto il pilota a tentare la manovra. Erano le 13.45 locali (le 19.15 in Italia), proprio mentre sulla città si abbatteva un forte temporale e c’era nebbia.

INCIDENTE NON LONTANO DA TIMES SQUARE

Il governatore dello stato di New York, Andrew Cuomo, si è affrettato a rassicurare: «Non ci sono indicazioni di terrorismo». Ma poteva comunque trasformarsi in una tragedia: l’incidente è avvenuto non lontano da Times Square, sulla 51ma strada e la Settima Avenue. L’elicottero si è schiantato sul tetto di un grattacielo alto 54 piani ed è conosciuto con il nome di Axa Equitable Center, all’interno del quale hanno alcuni uffici Bnp Paribas, e Citibank. Ma anche il rinomato ristorante francese Le Bernardin. Lo schianto ha fatto tremare l’edificio, innescato l’evacuazione dell’area limitrofa e scatenato un rogo sul tetto subito messo sotto controllo.

I TESTIMONI: «ABBIAMO SENTITO UN PICCOLO TERREMOTO»

«Abbiamo sentito un’esplosione», ha raccontato Andrew Health, che lavora al quinto piano dell’edifico. «È stato come un piccolo terremot», ha aggiunto un dipendente del settimo piano. «Abbiamo sentito il palazzo muoversi, come se qualcosa lo avesse colpito ma non sapevamo cosa» ha riferito Zach Escalante, programmatore di computer che lavora al terzo piano. Il presidente Donald Trump è stato subito informato dell’accaduto per seguire gli sviluppi. «I nostri soccorritori, sul luogo dell’incidente, stanno facendo un lavoro fenomenale. Grazie per quello che fate 24 ore al giorno, 7 giorni su 7 e 365 giorni l’anno» ha twittato.

LA LUNGA SCIA DEGLI INCIDENTI

L’incidente è destinato a riaccendere la polemica sugli elicotteri che affollano i cieli di New York. Di recente si sono verificati diversi casi: in maggio un elicottero con a bordo solo il pilota è finito nell’Hudson River. L’ultimo episodio grave è però del marzo dello scorso anno, quando un velivolo è caduto nelle acque dell’East River, fra Manhattan e il Queens, provocando la morte di cinque turisti. L’incidente più grave è dell’agosto del 2009, quando la gita di un gruppo di italiani si trasformò in una tragedia. Un piccolo aereo si scontrò con l’elicottero su cui erano a bordo e che stava sorvolando Manhattan. Il velivolo precipitò nell’Hudson: i morti furono in tutto nove di cui cinque italiani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *