Redazione

Positivo ad alcol e droga travolge due bimbi nel Ragusano

Positivo ad alcol e droga travolge due bimbi nel Ragusano

L’incidente è avvenuto nel centro di Vittoria. Il conducente, un uomo di 34 anni, ha travolto due cuginetti di 11 e 12 anni ed è ora in stato di fermo per omicidio stradale. Uno è morto sul colpo l’altro è in gravissime condizioni.

12 Luglio 2019 07.31

Like me!

È stato arrestato dalla polizia di Stato per omicidio stradale aggravato l’uomo che alla guida di un suv nella serata dell’11 luglio ha travolto due cuginetti di 11 e 12 anni nel centro storico di Vittoria, nel Ragusano. Uno dei bambini è morto sul colpo e l’altro è in gravissime condizioni. L’investitore è un 34nne, Rosario Greco, risultato positivo al test alcolemico, con un tasso quattro volte superiore ai limiti di legge. La Squadra mobile gli ha contestato anche la detenzione di oggetti atti a offendere: nel suv c’erano uno sfollagente telescopico e una mazza da baseball. In attesa dei test definitivi lo stesso Greco ha confermato di aver bavuto birra e di aver assunto cocaina.

BIMBI TRAVOLTI SULL’USCIO DI CASA

Il bambino ferito è stato trasferito in elisoccorso nel reparto di Rianimazione pediatrico di Messina dopo essere stato sottoposto in nottata a un delicato intervento chirurgico. Le sue condizioni sono gravissime. «Il bambino è stato operato ma purtroppo non abbiamo potuto salvargli le gambe che sono state tranciate durante l’incidente. Le sue condizioni sono stabili ma gravi, è ancora in pericolo di vita», ha spiegato la direttrice dell’unita’ operativa di terapia intensiva neonatale del Policlinico di Messina Eloisa Gitto.

DENUNCIATI ANCHE GLI ALTRI PASSEGGERI DEL VEICOLO

Il conducente ha perso il controllo dell’auto durante una manovra azzardata di sorpasso all’incrocio con via IV aprile, una stretta strada del centro storico. I due cuginetti, che sono figli di due fratelli, frequentavano l’istituto comprensivo “Portella della Ginestra” di Vittoria. Le tre persone che erano con Rosario Greco a bordo del Suv si sono presentate spontaneamente nella caserma dei carabinieri, dopo essere fuggite a piedi dal luogo dell’incidente, sostenendo di avere temuto il linciaggio da parte delle persone presenti. Sono state denunciate con l’accusa di favoreggiamento e omissione di soccorso. Due di loro avevano già dei precedenti penali. Uno è Angelo Ventura, figlio del capomafia di Vittoria, Giambattista, l’altro è Alfredo Sortino con vari precedenti penali, il terzo è Rosario Fiore. I tre che accompagnavano in auto Rosario Greco, inizialmente hanno tentato di favorire l’autore dell’omicidio stradale, ma poi hanno deciso di fornire un’esatta dinamica di quanto accaduto addebitando ogni responsabilità al conducente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *