Sabato sera nero sulle strade italiane, diversi gli incidenti mortali

Quattro amici hanno perso la vita a Jesolo finendo in un canale. Sempre nella cittadina veneta un 28enne è morto schiantandosi contro un albero. Quattro decessi anche a Cesena e uno sull'autostrada A7.

14 Luglio 2019 09.56
Like me!

Notte nera sulle strade italiane. Diversi gli incidenti mortali che hanno coinvolto giovanissimi dal rientro da feste o locali notturne. E subito torna l’incubo delle stragi del sabato sera. A Jesolo quattro ragazzi sono morti dopo una serata in un locale quando la loro auto è uscita di strada ed è finita in un canale a Cà Nani. Stesso tragico destino per un 28enne finito, sempre a Jesolo, contro un platano. A Cesena, invece, quattro giovani sono morti all’alba dopo che l’auto su cui viaggiavano si è ribaltata in un fosso. Anche sull’autostrada A7 si conta un decesso e due feriti gravi. Ecco i tragici incidenti di sabato sera.

LA DINAMICA DELL’INCIDENTE A JESOLO DI SABATO SERA

Secondo quanto riferito dalle forze dell’ordine l’incidente è avvenuto intorno all’1,30 di domenica 14 luglio. L’auto stava procedendo lungo la Strada regionale 43, in territorio comunale di Jesolo. A bordo si trovavano cinque amici: tre ragazzi e due ragazzi. All’incrocio tra via Adriatico e via Pesarona l’auto è uscita dalla carreggiata finendo con la parte anteriore all’interno del canale. Ancora da chiarire i motivi che hanno causato l’incidente. Al momento non si esclude nulla, dal colpo di sonno al malore sino all’abuso di alcol e droghe. A lanciare l’allarme e a prestare i primi soccorsi sono stati un gruppo di ragazzi stranieri, molto probabilmente turisti, che stavano attraversando lo stesso tratto di strada. Non tanto tempo dopo sono arrivati anche le ambulanze del 118 e i vigili del fuoco. Trasportata d’urgenza in ospedale l’unica superstite dato che i sanitari non hanno potuto che constatare il decesso dei restanti quattro occupanti del veicolo. Tutti i giovani avevano un’età compresa tra i 22 e i 23 anni.

UN RAGAZZO MUORE A JESOLO SCHIANTANDOSI CONTRO UN ALBERO

Sempre a Jesolo, intorno alle 5 di domenica 14 luglio, i vigili del fuoco sono intervenuti in via Roma Sinistra per un’auto finita contro un platano. Uno schianto terribile che è costato la vita a un 28enne. I pompieri hanno estratto l’uomo che era rimasto incastrato alla guida. Gli interventi di rianimazione dei sanitari del 118 sono però stati vani. Sconosciute le cause dell’incidente.

L’incidente a Jesolo in via Roma Sinistra costato la vita a un 28enne.

L’INCIDENTE A CESENA COSTATO LA VITA A QUATTRO GIOVANISSIMI

A Cesena, invece, quattro giovanissimi hanno perso la vita poco dopo le 5 lungo via di Dismano, nella frazione di Sant’Andrea. I ragazzi erano a bordo di una Seat Leon. Secondo la ricostruzione della Polstrada di Forlì e dei carabinieri, l’auto ha toccato per cause da chiarire un muretto laterale facendo perdere il controllo della vettura al conducente. La corsa del mezzo si è poi fermato in un fosso rovesciandosi e accartocciandosi.

INCIDENTI DEL SABATO SERA ANCHE SULLA A7

È di un morto e due feriti gravi il bilancio di un incidente avvenuto intorno alle 4 di notte di domenica 14 luglio sulla A7 Genova-Serravalle Scrivia, nei pressi di Genova Bolzaneto in direzione del capoluogo. I tre, tutti poco più che ventenni, viaggiavano a bordo della stessa auto che è andata a sbattere contro il guard rail. L’incidente non ha coinvolto altri mezzi. Tra le cause dello schianto si ipotizza il colpo di sonno o l’alta velocità. Le forze dell’ordine hanno dovuto chiudere temporaneamente l’autostrada per permettere i soccorsi ai feriti e compiere i rilievi.

NEL CASERTANO PERDE LA VITA UN CENTAURO DI 35 ANNI

Tragedia anche nel casertano, sulla provinciale tra San Leucio e Castel Morrone. Qui un centauro di 35 anni, Antonio Rauso, è morto in uno schianto fatale dopo aver perso il controllo della sua moto molto probabilmente a causa dell’asfalto reso scivoloso dalla pioggia. Lo schianto a bordo sulla sua Triumph è stato fatale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *