Con Inhabits la città leggera atterra al Fuorisalone

Con Inhabits la città leggera atterra al Fuorisalone

06 Aprile 2019 15.50
Like me!

ll Castello Sforzesco si trasforma nella città del futuro: leggera, temporanea, flessibile, intelligente. Dal 17 al 22 aprile, in occasione del FuoriSalone 2019, i 10.000 mq adiacenti alla fortificazione meneghina del XV secolo, tra via Beltrami e Piazza Castello, ospitano Inhabits 2019, un'esposizione dedicata alle house units del futuro, moduli abitativi innovativi, leggeri e autosufficienti, un concentrato di design ed architettura, tra tecnologia e soluzioni alternative e innovative per l'abitare domestico e per la vita negli spazi urbani.

UNA CITTÀ NELLA CITTÀ

Presentata da DDN, in collaborazione con Killer Kiccen e Unconventional Events, l'esposizione (43 esibitori, 25 talks e 15 workshops) sarà un’innovativa design city allestita, che ospiteranno a residenze, strutture dedicate al business e all’ospitalità, wellness e ristorazione. In particolare, le house unit e gli spazi funzionali offriranno una visione sulle città del futuro in cui poter scoprire le novità in termini di tecnologie e soluzioni, i prodotti di ricerca, con la possibilità di dialogare con architetti e aziende.

DALLE ABITAZIONI ALLE LIVING UNIT

Protagoniste dell'esposizione saranno le living unit: facili da costruire e trasportare propongono delle vere e proprie innovazioni in termini di materiali, tecniche di montaggio, tecnologie per la domotica e per l’efficienza energetica. Realizzate da studi e aziende italiane ed internazionali sono concepite per rispondere a diverse esigenze: dalla casa vacanze alle abitazioni temporanee. Le house unit saranno inoltre affiancate da spazi "satellite" dedicati a aree tematiche dove sarà invece possibile ammirare da vicino prodotti, allestimenti, tecnologie e soluzioni legate all’ambiente domestico e urbano.

Facili da costruire e trasportare: sono le living unit che disegnano un nuovo modo dell'abitare

LA PIAZZA DELL’ABITARE

Le installazioni interattive, realizzate da alcuni tra i più noti architetti a livello mondiale (Progetto CMR, Piuarch, Studio Laviani e TAM Associati), consentiranno, inoltre, di accedere alla città del futuro in un modo non convenzionale. e cioè attraverso spazi non necessariamente legati al mondo dell'abitare ma pensati come luoghi pubblici, che possano essere da stimolo per scambi e interazioni.

LO SPAZIO APPROFONDIMENTI

Due, invece, sono le aree dedicate agli approfondimenti legati al design e all’architettura: la "Speech Arena", dove ogni giorno i visitatori potranno partecipare a talk tematici, open lecture e incontri di approfondimento con super guest provenienti da ogni campo del mondo del design; e la "Kids Area" dedicata ai più piccoli, con laboratori e workshop pensati per avvicinare i bambini al mondo del design.

IL PROGRAMMA DI DJ SET

Ma Inhabits non è solo design e architettura: un’ampia area dell'esposizione sarà dedicata all’entertainment. Un’imponente installazione che, tutte le sere dalle 18.00 a mezzanotte, si trasformerà in un palco che ospiterà, con il supporto di bluefactoryevents, il Design Week Music Festival: dj set di Riva Starr, Nice7, Flashmob, Stefano Fontana, Soul Clap, Wolf+Lamb, Peter Kruder e molti altri, si alterneranno a performance artistiche, accompagnati da video mapping e light show.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *