Redazione

Intesa Sanpaolo e Prometeia vedono la ripresa del manifatturiero italiano

Intesa Sanpaolo e Prometeia vedono la ripresa del manifatturiero italiano

Presentato il 95esimo Rapporto sulle prospettive dei settori industriali. Battuta d'arresto nel 2019, ma crescono i consumi non durevoli. Recupero atteso tra il 2020 e il 2023. Cruciale il risveglio dell'automotive.

21 Maggio 2019 13.23

Like me!

Per il manifatturiero italiano il peggio è passato, ma il 2019 segnerà ancora una battuta d’arresto. Il fatturato delle aziende nazionali risulterà stabile alla fine dell’anno, per poi tornare a crescere tra il 2020 e il 2023 grazie soprattutto al contributo del commercio estero. È questa la tendenza messa in risalto da Intesa Sanpaolo e Prometeia, che il 21 maggio hanno presentato a Milano il 95esimo Rapporto sulle prospettive dei settori industriali.

L’INDUSTRIA ITALIANA OGGI È PIÙ RESILIENTE

Gregorio De Felice, capo economista di Intesa Sanpaolo, ha tracciato il quadro d’insieme: «L’industria italiana si è rafforzata in questi anni difficili e ora è più forte. Abbiamo un’industria più resiliente, anche rispetto alle incertezze internazionali, che esporta il 48% di quanto produce sul nostro territorio. Nello scenario al 2023 vediamo una ripresa, con un andamento particolarmente positivo nel medio termine per i settori dell’auto, della meccanica e della farmaceutica». Le incognite, tuttavia, non mancano. A livello globale preoccupano gli esiti della guerra commerciale in corso fra Stati Uniti e Cina, che minaccia di diventare anche una guerra tecnologica, mentre il ritorno del protezionismo sarebbe destabilizzante. L’Italia, da parte sua, è uscita dalla recessione tecnica e i consumi domestici tengono. Ma la «vera sfida», per De Felice, è «rilanciare gli investimenti». Perché solo così sarà possibile colmare il gap con la Germania e fare innovazione, a partire da un settore chiave per tutto il sistema-Paese: quello dell’automotive.

Entando nei dettagli del Rapporto, nei primi mesi del 2019 il fatturato dell’industria manifatturiera italiana è in aumento rispetto alla chisura del 2018. Mentre la stima su base annua risulta stabile. Nel 2018 il fatturato manifatturiero è aumentato con un ritmo più lento (+1,4% a prezzi costanti) rispetto all’ottimo 2017, soprattutto per via del rallentamento intervenuto nella seconda parte dell’anno, quando si sono intensificati i fattori frenanti a livello globale. Nel 2019 a soffrire maggiormente saranno le filiere legate al ciclo degli investimenti in macchinari e mezzi di trasporto, mentre a partire dal 2020 questi settori dovrebbero ritrovare un ritmo espansivo.

L’AUTO ELETTRICA È UN’OPPORTUNITÀ DA NON PERDERE

Moltissimo dipende però, come detto sopra, dal risveglio degli investimenti. Si prevede un tasso di crescita più intenso nel triennio 2021-2023, trainato dalle sfide imposte dalla trasformazione tecnologica e da vincoli ambientali più stringenti. L’elettrificazione delle auto, ha aggiunto non a caso De Felice, rappresenta «un’opportunità gigantesca per investire di più» e realizzare «un cambio epocale» dai vecchi motori diesel e benzina a nuovi sistemi di alimentazione. Uno stimolo altrettanto deciso è atteso nel settore delle costruzioni, attraverso il comparto delle opere pubbliche. La manifattura, pertanto, potrà sperimentare un’accelerazione del tasso di crescita al 2023 che Intesa Sanpaolo e Prometeia calcolano nell’ordine dell’1,5% in media d’anno.

SUI CONSUMI NON DUREVOLI GLI EFFETTI DEL SOSTEGNO AL REDDITO

Dal 2020 la meccanica si confermerà tra i principali artefici dell’espansione, con una crescita media annua del fatturato a prezzi costanti attorno all’1,7%. Ritmi sostenuti caratterizzeranno anche l’elettrotecnica (+1,9%) e la farmaceutica (+1,8%), mentre si prevede una crescita inferiore alla media per la moda (+0,8%), i mobili (+0,8%), l’elettronica (+0,7%) e gli elettrodomestici (+0,4%). Per quanto riguarda invece anche il 2019, come ha spiegato Alessandra Lanza senior partner di Prometeia, si segnala la buona performance dei consumi non durevoli e più in generale del largo consumo (+2,2%). Un risultato che, per Lanza, si spiega anche con gli «effetti sul mercato interno delle misure di sostegno al reddito introdotte dal governo». Al contrario, gli sgravi a favore delle imprese sono stati depotenziati e rimane il tallone d’Achille dei tempi di pagamento. Completando il faticoso percorso di recupero iniziato dopo la grande recessione, la redditività della gestione caratteristica misurata dal Roi si è riposizionata su un livello medio dell’8,5%. I miglioramenti hanno accorciato le distanze con i concorrenti di Germania, Francia e Spagna. Ma il gap potrebbe assottigliarsi ancora di più se si riducessero i fabbisogni di capitale circolante, finalizzati proprio alla copertura dei tempi di pagamento. Su questo fronte solo Turchia e Grecia fanno peggio del nostro Paese, dove occorrono 86 giorni a fronte di una media europea di 51 e del record tedesco di 27.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *