Iran, 11 estremisti sunniti impiccati

Redazione
20/12/2010

Secondo l’agenzia iraniana Irna, 11 membri del gruppo estremista sunnita Jundullah (Soldati di Dio) sono stati impiccati il 20 dicembre...

Iran, 11 estremisti sunniti impiccati

Secondo l’agenzia iraniana Irna, 11 membri del gruppo estremista sunnita Jundullah (Soldati di Dio) sono stati impiccati il 20 dicembre a Zahedan, nel Sud-Est dell’Iran.
Ebrahim Hamidi, capo dell’apparato giudiziario della provincia del Sistan-Baluchistan, di cui Zahedan è capoluogo, ha detto all’agenzia Fars che le impiccagioni sono avvenute nella prigione della città e che gli 11 erano stati riconosciuti colpevoli di essere «nemici di Dio» (Mohareb), «corrotti sulla Terra» (Mofsed fel Arz) e di avere «combattuto il sistema islamico» di governo.
Le accuse, ha aggiunto Hamidi, si riferiscono ad «atti di terrorismo, scontri con le forze di sicurezza e uccisioni di civili innocenti» avvenute negli ultimi anni.
Jundullah ha rivendicato vari attentati a moschee sciite nella provincia del Sistan-Baluchistan, abitata da una forte minoranza sunnita, con un bilancio complessivo di diverse decine di morti. L’ultimo attacco suicida è avvenuto il 15 dicembre contro una processione religiosa nella ricorrenza sciita dell’Ashura, con un bilancio di 38 morti.