Iran, lavoro vietato alle attrici che hanno tolto l’hijab in pubblico

Redazione
25/10/2023

Il ministro Mohammed Mehdi Esmaili: «Indossarlo è una legge e a chi non la rispetta non sarà concesso lavorare». Tra le donne coinvolte ci sarebbero anche Taraneh Alidoosti, Katayoun Riahi e Fatemeh Motamed-Aria, che lo hanno tolto durante le proteste generate dalla morte di Mahsa Amini.

Iran, lavoro vietato alle attrici che hanno tolto l’hijab in pubblico

In Iran tutte le attrici che nel corso delle proteste degli ultimi mesi hanno tolto il velo, l’hijab, in pubblico, non potranno più lavorare. Lo hanno deciso le autorità iraniane e lo ha annunciato Mohammed Mehdi Esmaili. Quest’ultimo, ministro della Cultura e dell’Orientamento islamico, ha affermato in conferenza stampa: «Alle attrici che sono apparse in pubblico, togliendosi l’hijab, è vietato il lavoro. Indossare l’hijab è una legge e alle attrici che non rispettano la legge non sarà concesso lavorare».

Iran, lavoro vietato alle attrici che hanno tolto l'hijab in pubblico
Una delle attrici coinvolte è Taraneh Alidoosti (Getty Images).

Le attrici coinvolte sarebbero una dozzina

Secondo i media iraniani, le attrici raggiunte dal provvedimento del ministero sarebbero almeno una dozzina. Tutte loro hanno tolto il velo in pubblico, manifestando il proprio sostegno alle proteste nazionali innescate dalla morte di Mahsa Amini. Dopo il decesso della 22enne, nel settembre 2022, in tutto il Paese donne e uomini hanno manifestato il proprio dissenso verso la Repubblica islamica, in difesa dei diritti della popolazione femminile. Tra le attrici coinvolte ci sarebbero anche Taraneh Alidoosti, Katayoun Riahi e Fatemeh Motamed-Aria. Per i media iraniani «non saranno autorizzate a recitare ruoli nei film». Alidoosti e Riahi sono tra i personaggi pubblici che erano stati detenuti per brevi periodi durante le proteste dello scorso anno per la morte di Mahsa Amini.

LEGGI ANCHEIran, morte cerebrale per Armita Garavand