Isis: «Gentiloni ministro crociato, Italia un nemico»

Redazione
14/02/2015

Il governo italiano entra ufficialmente nella lista dei nemici dello Stato islamico. Attraverso il suo radiogiornale ufficiale diffuso dall’emittente al...

Isis: «Gentiloni ministro crociato, Italia un nemico»

Il governo italiano entra ufficialmente nella lista dei nemici dello Stato islamico. Attraverso il suo radiogiornale ufficiale diffuso dall’emittente al Bayan da Mosul nel Nord dell’Iraq, l’Isis ha definito il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni «ministro dell’Italia crociata». Lo si apprende dall’edizione odierna del radiogiornale ufficiale dell’Isis, diffuso dall’emittente al Bayan da Mosul nel nord dell’Iraq.
Per la voce dei terroristi islamici Gentiloni «dopo l’avanzata dei mujahidin in Libia ha detto che l’Italia è pronta a unirsi alla forza guidata dalle Nazioni atee per combattere lo Stato islamico».
«Nazioni atee» in arabo è un riferimento implicito alle Nazioni Unite: nella lingua le due espressioni sono infatti assimilate.