Floyd Mayweather invierà aiuti in Israele con il suo jet privato

Redazione
11/10/2023

L’ex pugile, ritiratosi da imbattuto nel 2017, manderà viveri alla popolazione e giubbotti antiproiettile ai militari. Il messaggio su Instagram: «Non è il momento della politica, ma della sicurezza». Già in estate aveva pagato alloggio e cibo agli abitanti di Maui.

Floyd Mayweather invierà aiuti in Israele con il suo jet privato

Floyd Mayweather si schiera per Israele. L’ex pugile americano, vincitore di tutti i 50 incontri della carriera, ha infatti annunciato con alcuni post su Instagram che invierà viveri alla popolazione vittima della guerra. Come ha riportato Tmz, a bordo del suo jet privato, il campione americano organizzerà una spedizione di cibo, acqua e vestiti per i civili oltre a giubbotti antiproiettile per l’esercito israeliano contro Hamas. Air Mayweather, questo il nome della missione umanitaria dell’ex mattatore del ring, sarà guidato dai suoi quattro piloti personali AJ Ramey, Chris Javier, Sam Kniskern e Freeman Blakney. «Io sono per la pace, per i diritti umani», ha scritto l’ex pugile sul suo profilo Instagram. «Condanno l’antisemitismo in ogni sua forma e con ogni mezzo. Il terrorismo non è mai la risposta».

LEGGI ANCHE: Israele, da Natalie Portman a Gal Gadot: i messaggi delle star

Floyd Mayweather: «I terroristi di Hamas attaccano vite innocenti»

In altri post su Instagram, l’ex pugile americano si è scagliato violentemente contro Hamas, che ha definito «un gruppo terroristico che sta attaccando vittime innocenti». Floyd Mayweather ha poi spiegato di volersi schierare dalla parte di Israele in quanto convinto difensore «di tutti gli esseri umani». Auspicando il ritorno in patria dei cittadini americani coinvolti negli attacchi di Hamas, ha espresso solidarietà per le vittime e per le famiglie delle persone rapite «durante gli orribili crimini di guerra». Assieme ai suoi post ha anche condiviso una foto che lo ritrae a Gerusalemme durante uno dei suoi viaggi nel Paese. «Questo non è il momento della politica, ma della solidarietà e della sicurezza», ha concluso l’ex pugile sui social. «Dio benedica il genere umano».

L’ex pugile, ritiratosi da imbattuto nel 2017, manderà viveri alla popolazione e giubbotti antiproiettile ai militari. Il messaggio su Instagram: «Non è il momento della politica, ma della sicurezza». Già in estate aveva pagato alloggio e cibo agli abitanti di Maui.
L’ex pugile americano Floyd Mayweather (Getty Images).

Il trasporto di viveri in Israele non sarà la prima missione umanitaria di Floyd Mayweather. In estate infatti, come hanno riportato Tmz e il Daily Mail, pagò cibo e acqua per circa 70 famiglie di Maui colpite dai terribili incendi che hanno devastato l’isola delle Hawaii. Ha inoltre fornito loro un alloggio in vari alberghi per settimane e pagato pranzi e cene nei ristoranti. In collaborazione con H&M ha persino inviato una fornitura di vestiti a tutti coloro che hanno perso o hanno dovuto lasciare la loro casa. Bronzo ai Giochi di Atlanta 1996, il pugile ha poi dominato in varie categorie Wbc, Ibf e Wba. Ha concluso la sua carriera nel 2017, dopo un incontro con il campione di arti marziali miste Conor McGregor, ritirandosi da imbattuto. Fra le 50 vittorie, ben 27 (oltre il 50 per cento) sono arrivate per KO.