Guerra Israele-Hamas, l’allarme dell’Oms: l’ospedale di al-Shifa a Gaza a rischio funzionamento. Gli Usa colpiscono due postazioni legate all’Iran in Siria

Redazione
13/11/2023

Centinaia di pazienti sono rimasti intrappolati e migliaia di persone hanno cercato rifugio attorno alla struttura. Il segretario alla Difesa Usa Lloyd Austin ha detto che alcuni raid americani hanno preso di mira siti vicino ad Abukama e Mayadin. Voci di un’intesa per il rilascio di 80 donne e bambini israeliani in cambio di palestinesi detenuti da Israele. Negoziati in corso, coinvolti anche Qatar e Egitto.

Guerra Israele-Hamas, l’allarme dell’Oms: l’ospedale di al-Shifa a Gaza a rischio funzionamento. Gli Usa colpiscono due postazioni legate all’Iran in Siria

È il 38esimo giorno di guerra: sono oltre 11 mila i morti palestinesi, secondo Hamas; 1.200 quelli israeliani; 241 gli ostaggi a Gaza. Almeno 20 dei 36 ospedali di Gaza hanno smesso di funzionare, tra cui quello più grane, al-Shifa a Gaza City, come confermato dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Centinaia di pazienti sono rimasti intrappolati e migliaia di persone hanno cercato rifugio attorno all’ospedale, mentre le truppe israeliane e i combattenti di Hamas combattevano vicino al complesso. Domenica alcuni testimoni hanno detto all’Afp che «violenti combattimenti violenti» hanno infuriato per tutta la notte.

Con i raid aerei degli Usa la guerra si allarga

L’esercito americano ha condotto degli attacchi aerei su due località della Siria orientale sostenute dall’Iran, colpendo una base di addestramento e un deposito di armi. Lo hanno riferito il Pentagono e funzionari statunitensi. Il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha detto che i raid hanno preso di mira alcuni siti vicino ad Abukama e Mayadin, utilizzati dal corpo delle Guardie rivoluzionarie iraniane e dalle milizie appoggiate da Teheran.

Guerra Israele-Hamas, l'allarme dell'Oms: l'ospedale di al Shifa a Gaza a rischio funzionamento. Gli Usa colpiscono due postazioni legata all'Iran in Siria
L’ospedale dit Al-Shifa (Getty Images).

Trattative in salita per il rilascio degli ostaggi

Voci di un’intesa per il rilascio di 80 donne e bambini israeliani in cambio di donne e adolescenti palestinesi detenuti da Israele: «Negoziati in corso, coinvolti anche Qatar e Egitto», ha detto il consigliere per la sicurezza nazionale Usa Sullivan. Ma Hamas frena dopo l’assedio all’ospedale Shifa. Netanyahu non esclude l’accordo. Tra i bambini presi in ostaggio da Hamas c’è anche un piccolo americano di tre anni i cui genitori sono stati uccisi negli attacchi del 7 ottobre. Lo ha riferito la Casa Bianca in una nota, senza fornire altri dettagli sul bambino rapito dai terroristi.

Il Washington Post: «Hamas voleva una guerra regionale»

L’intenzione di Hamas il 7 ottobre non era solo uccidere e catturare il maggior numero di israeliani, ma innescare un conflitto che avrebbe divampato in tutta la regione. Lo hanno rivelato al Washington Post funzionari di intelligence di quattro Paesi occidentali e mediorientali. Secondo gli analisti, le prove trovate dopo gli attacchi – mappe dettagliate, scorte di cibo per diversi giorni, munizioni ed esplosivi in grandi quantità – rivelano l’intenzione dei terroristi di sferrare un colpo di proporzioni storiche e scatenare una reazione israeliana senza precedenti. E anche di andare avanti per giorni e giorni.

Arrivato al Cairo il primo gruppo di russi evacuati da Gaza

Il primo gruppo di 70 russi evacuati dalla Striscia di Gaza è arrivato al quartier generale operativo del ministero russo per le situazioni di emergenza al Cairo, secondo quanto annunciato dall’agenzia Tass. Una colonna di autobus e tre minibus che trasportavano cittadini russi è arrivato alla sala conferenze di uno degli hotel dove era allestito il quartier generale, dove gli sfollati sono stati accolti da squadre di operatori sanitari e rappresentanti del ministero delle Situazioni di emergenza.