Israele-Hamas, oggi saranno rilasciati 14 israeliani e 42 palestinesi

Redazione
25/11/2023

Lo hanno reso noto le autorità dello Stato ebraico nel secondo giorno di tregua. Il presidente americano Joe Biden: «La soluzione dei due Stati ora è più importante che mai».

Israele-Hamas, oggi saranno rilasciati 14 israeliani e 42 palestinesi

Le autorità israeliane hanno annunciato che sabato 25 novembre 2023 libereranno 42 detenuti palestinesi mentre Hamas rilascerà 14 ostaggi tenuti a Gaza. I termini dell’accordo raggiunto prevedono la scarcerazione di tre palestinesi per ogni israeliano liberato, insieme a una tregua di quattro giorni entrata in vigore venerdì 24. Secondo quanto riportato dal portale Ynet, alcuni funzionari dello Stato ebraico hanno reso noto che tra i cittadini israeliani che verranno rilasciati ci sono otto bambini.

Venerdì 23 novembre erano stati liberati 24 israeliani

Il giorno prima Hamas aveva liberato 24 sequestrati, tra cui 13 israeliani, 10 thailandesi e un filippino. La tv pubblica israeliana Kan ha diffuso la lista ufficiale dei nomi: Doron Katz Asher, 34 anni; Aviv Asher, due anni; Raz Asher, quattro anni; Daneil Alloni, 45 anni; Emilia Alloni, sei anni; Keren Monder, 54 anni; Ohad Monder, nove anni; Ruthi Monder, 78 anni; Yaffa Aadar, 85 anni; Margalit Mozes, 77 anni; Hanna Katzir, 77 anni; Adina Moshe, 72 anni; Hanna Perri, 79 anni. Si tratta di tre bambine, un bambino e nove donne.

Biden ringrazia i leader di Qatar, Egitto e Israele

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha commentato così l’inizio della tregua tra le parti: «La liberazione degli ostaggi a Gaza è solo l’inizio. Ci aspettiamo che altri siano rilasciati domani e dopodomani. Siamo grati per le famiglie che oggi si sono potute riunire con la liberazione degli ostaggi a Gaza dopo quasi 50 giorni». L’inquilino della Casa Bianca ha dunque ringraziato i leader di Qatar, Egitto e Israele per l’accordo che ha consentito la loro liberazione e ribadito che «la soluzione a due Stati in Medio Oriente è ora più importante che mai».