Israele continua l’offensiva a Khan Yunis e accusa Hamas: «Razzi lanciati dalle zone umanitarie»

Redazione
07/12/2023

Prosegue la caccia a Yahya Sinwar, leader dell'organizzazione terroristica. In rete le immagini della resa di decine di miliziani palestinesi. Oltre 17 mila i morti a Gaza. Un civile ucciso da un missile di Hezbollah. Gli aggiornamenti sul conflitto in Medio Oriente.

Israele continua l’offensiva a Khan Yunis e accusa Hamas: «Razzi lanciati dalle zone umanitarie»

I 12 razzi lanciati il 6 dicembre da Hamas contro la città di Beer Sheva, nel sud di Israele, sono partiti «da un posto vicino alle tende dei civili evacuati di Gaza e a strutture delle Nazioni Unite». Lo sostiene l’Idf, secondo cui altri tiri «sono stati effettuati da zone umanitarie». Hamas, aggiunge il portavoce dell’esercito, «abusa del popolo di Gaza usandolo per i suoi atti di terrorismo». Intanto, nel giorno che segna i due mesi dall’attacco di Hamas e dunque della guerra israelo-palestinese, l’Idf ha proseguito le operazioni nel cuore di Khan Yunis: le forze israeliane hanno circondato la casa del capo di Hamas nella Striscia di Gaza, Yahya Sinwar, senza però riuscire a trovarlo. L’aviazione nella notte ha colpito decine di obiettivi di Hamas, anche nella città di Rafah, in precedenza indicata come rifugio sicuro per gli sfollati palestinesi.

Decine di combattenti di Hamas si sono arresi all’esercito israeliano

Decine di combattenti di Hamas si sono arresi all’esercito israeliano nel nord della Striscia di Gaza. Lo scrive Haarets. Sui social circolano le immagini di miliziani islamisti (o presunti tali) fatti prigionieri in mutande, in ginocchio, uno accanto all’altro.

Dal 7 ottobre nella Striscia di Gaza sono rimasti uccisi oltre 17 mila palestinesi

In due mesi di guerra i bombardamenti israeliani nella Striscia di Gaza hanno ucciso 17.177 persone, il 70 per cento delle quali donne, bambini e minorenni. Secondo il ministero della Sanità di Hamas, nelle ultime 24 ore, in un momento in cui le operazioni si stanno estendendo al territorio dell’intera enclave, sono morte 350 persone.

Israele continua l’offensiva a Khan Yunis e accusa Hamas: razzi lanciati dalle zone umanitarie. Gli aggiornamenti sulla guerra in Medio Oriente.
Esplosioni a Khan Yunis (Getty Images).

Un civile israeliano è morto colpito da un razzo di Hezbollah partito dal Libano

Un civile israeliano è morto per le ferite in seguito al lancio di un missile anticarro dal Libano nella città settentrionale di Matat. Hezbollah ha rivendicato la responsabilità del lancio del missile. L’Idf ha contrattaccato con elicotteri da combattimento, carri armati e colpi di artiglieria.

Israele continua l’offensiva a Khan Yunis e accusa Hamas: razzi lanciati dalle zone umanitarie. Gli aggiornamenti sulla guerra in Medio Oriente.
Palestinesi in fuga da Khan Yunis (Getty Images).

Il ministro degli Esteri iraniano: «I prossimi giorni saranno terribili per gli invasori»

Il ministro degli Esteri dell’Iran Hossein Amir Abdollahian è tornato a condannare gli attacchi israeliani su Gaza. Lo ha fatto nel corso di una telefonata con l’omologo del Qatar Mohammed bin Abdulrahman bin Jassim Al Thani. Il capo della diplomazia iraniana ha detto, secondo quanto riportato dall’agenzia Fars, che per gli israeliani le condizioni del campo di battaglia a Gaza continuano a complicarsi. Considerando l’attuale tendenza, ha detto, «i prossimi giorni saranno terribili per l’esercito invasore».