Israele recluta blogger e influencer per combattere la guerra sui social

Redazione
10/10/2023

L'iniziativa è stata presentata dal ministro degli Esteri Eli Cohen. L'obiettivo è «influenzare l'opinione pubblica internazionale» per aumentare così «il sostegno internazionale».

Israele recluta blogger e influencer per combattere la guerra sui social

La guerra ai tempi dei social si combatte anche schierando influencer e content creator, fondamentali per indirizzare l’opinione pubblica. Non c’è da stupirsi dunque se Israele dopo l’attacco di Hamas abbia deciso di reclutare alcuni dei blogger più importanti del Paese per sostenere «la difesa israeliana in tutto il mondo».

L’esercito dei blogger pro Tel Aviv

A presentare l’iniziativa è stato il ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen che ha precisato come molti abbiano già aderito all’iniziativa. Dall’avvocato per i diritti umani Arsen Ostrovsky a Noa Tishby, autrice, produttrice e attrice; dall’uomo d’affari americano Joe Zvuloni alla modella Nataly Dadon: da Emily Schrader, scrittrice, docente ed esperta di Israele, Iran, democrazia e diritti umani a Fleur Hassan-Nahum, ex vicesindaca di Gerusalemme ed esponente del Likud.

Israele recluta blogger e influencer per combattere la guerra sui social
La modella nataly Dadon su Instagram.

«I social network e l’influenza sull’opinione pubblica internazionale sono fondamentali durante la guerra, al fine di mobilitare il sostegno internazionale», ha spiegato Cohen «Il mondo deve capire che la lotta dello Stato di Israele è la lotta della luce contro le tenebre, una cultura che desidera la vita contro i vili terroristi. Inoltre, gli influencer online possono sollevare il morale dei cittadini israeliani e rafforzare lo spirito di resilienza». Infine il ministro ha concluso ringraziandoli per «il loro grande contributo: sono veri patrioti che agiscono per amore della patria e si prendono cura di tutti i cittadini di Israele».