Istanbul, uomo armato prende in ostaggio operai di una fabbrica Usa: «Per Gaza»

Valentina Sammarone
01/02/2024

Sarebbero sette i dipendenti del gruppo americano Procter & Gamble (P&G) situato alla periferia della città turca. Nel Paese, durante il conflitto in Medio Oriente, sono emerse numerose richieste di boicottaggio dei prodotti statunitensi.

Istanbul, uomo armato prende in ostaggio operai di una fabbrica Usa: «Per Gaza»

La polizia di Istanbul ha confermato che un individuo armato, dichiarando di agire «per Gaza», ha preso in ostaggio diversi dipendenti di una fabbrica del gruppo americano Procter & Gamble (P&G) situata alla periferia della città turca. Secondo i media locali, gli ostaggi sarebbero sette. Il sindacato Umut-Sen ha specificato in un comunicato su X che «gli operai sono stati evacuati dalla fabbrica, ma sette restano in ostaggio. Il padrone è responsabile della loro sicurezza». Una fotografia diffusa dai media turchi mostra un uomo con il viso parzialmente coperto da una kefiah, indossa esplosivi intorno al busto e tiene in mano una pistola di dimensioni ridotte. Sullo sfondo è dipinta la scritta «Per Gaza» in rosso su un muro. In Turchia, durante il conflitto, sono emerse numerose richieste di boicottaggio dei prodotti americani. In vari luoghi del Paese, ristoranti McDonald’s e caffè Starbucks sono stati oggetto di atti vandalici.