Istat, 192 miliardi di economia in nero e illegale: +10 per cento nel 2021

Redazione
13/10/2023

L'incidenza rispetto al Pil resta stabile al 10,5 per cento rispetto al 2020 e inferiore al periodo pre-pandemia. Quasi 3 milioni i lavoratori in nero.

Istat, 192 miliardi di economia in nero e illegale: +10 per cento nel 2021

L’economia sommersa e illegale in Italia cresce del 10 per cento nel 2021 e raggiunge 192 miliardi di euro. La sua incidenza rispetto al Pil resta stabile al 10,5 per cento rispetto all’anno precedente e inferiore al periodo pre-pandemia. Lo ha comunicato l’Istat nel report. In particolare, l’economia sommersa si attesta a poco meno di 174 miliardi di euro, mentre le attività illegali superano i 18 miliardi. I lavoratori in nero in Italia nel 2021 sono stati quasi 3 milioni. Secondo il report, «rispetto al 2020 il lavoro non regolare ha segnato una crescita contenuta del 2,5 per cento, che non ha consentito di recuperare la considerevole caduta registrata in corrispondenza della crisi pandemica (-18,4 per cento) e sembra segnalare un ridimensionamento del fenomeno».