IT-Alert, in arrivo nuovi test: dove e quando suonerà l’allarme sugli smartphone

Valentina Sammarone
19/12/2023

Ad annunciarlo la Protezione Civile sui profili social. Dopo la fase che si è conclusa lo scorso 13 ottobre, sono previste nuove prove il 19 e 20 dicembre alle ore 12.

IT-Alert, in arrivo nuovi test: dove e quando suonerà l’allarme sugli smartphone

Dopo la prima fase di test conclusa il 13 ottobre 2023, coinvolgendo tutte le Regioni e Province autonome italiane, la Protezione Civile ha annunciato che la sperimentazione del sistema di allarme pubblico IT-Alert continua. I nuovi test sono previsti per il 19 e 20 dicembre. Si legge sul sito: «In parte dei territori di cinque regioni, si realizzeranno i test su due rischi specifici: collasso di una grande diga e incidente rilevante in stabilimenti industriali soggetti alla Direttiva Seveso».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da IT-alert (@italertgov)

L’obiettivo dei nuovi test IT-Alert

L’attività mira a raggiungere due scopi diversi: da un lato, testare l’utilizzo di IT-Alert su aree limitate e definite del territorio, e dall’altro, progredire nel processo di familiarizzazione con il sistema di allarme pubblico e consentire alle persone di sentirsi più sicure nella ricezione del messaggio per situazioni di pericolo specifiche, con il testo personalizzato in base al livello di rischio e alla location coinvolta.

Le zone interessate il 19 dicembre

Il 19 dicembre alle ore 12 avrà luogo una simulazione incidente relativa a stabilimenti industriali soggetti alla Direttiva Seveso, nel territorio compreso in un raggio di 2 km dall’impianto:

  • Regione Puglia –Stabilimento LyondellBasell, Brindisi;
  • Regione Veneto – FIS – Fabbrica Italiana Sintetici S.p.A., Montecchio Maggiore (VI).

Le zone interessate il 20 dicembre

Il 20 dicembre ore 12, invece, una simulazione del collasso grandi dighe:

  • Regione Emilia-Romagna – Diga di Conca (Comuni interessati: Misano Adriatico e San Giovanni in Marignano e Cattolica);
  • Regione Lombardia – Diga di Pagnona (Comuni interessati: Premana, Pagnona, Casargo, Sueglio, Valvarrone, Bellano, Dervio);
  • Regione Sardegna – Diga di Nuraghe Arrubiu (Comuni interessati: Orroli, Escalaplano, Goni, Silius, Siurgus Donigala, Ballao, Armungia, Villasalto, San Vito, Villaputzu, Muravera).