Cronaca
22 Aprile Apr 2015 0915 22 aprile 2015

Migranti, Sami (Unhcr): i richiedenti asilo restano senza tutela - La notizia

La priorità è il salvataggio in mare

  • ...

Roma, (askanews) - I migranti morti in mare al largo della Libia erano in grande maggioranza eritrei, somali e siriani, persone in fuga da un regime che hanno diritto ad essere considerate, secondo il diritto internazionale, richiedenti asilo e dunque da proteggere. Lo chiede a gran voce Carlotta Sami, portavoce dell'Unhcr, dopo aver incontrato i sopravvissuti alla tragedia in mare.'L'importante che ci sia una grande priorità al salvataggio in mare. E il modo migliore per cominciare a fare la lotta al traffico esseri umani è quello di considerarli richiedenti asilo. Su quella barca c'erano 350 eritrei, c'erano somali, siriani, persone che venivano dalla Sierra Leone e hanno diritto ad essere considerate rifugiati. Queste persone devono avere delle alternative regolari per trovare protezioni in Europa. Se perdono speranza è perchè queste alternative al momento non ci sono' ha detto Sami.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso