Enitogo 151103111714
Iniziative
4 Novembre Nov 2015 1121 04 novembre 2015

Eni premia il villaggio ecosostenibile in Togo

Nello spazio urbano presentato a Expo 2015 tutto si basa sull'uso delle risorse da parte di ogni componente del villaggio. Obiettivo: superare l'agricoltura di sussistenza.

  • ...

Un villaggio composto da 14 unità abitative riunite attorno a una struttura centrale e legate tra loro da spazi comuni. La zona centrale è il cuore del centro abitato, il punto dove si conservano cibo e acqua e dove si produce l'energia attraverso un sistema fotovoltaico. È il villaggio pensato dall'Ecole Africane des Metiers de l'Architecture et de l'Urbanisme (Eamau) di Lomé in Togo, presentato all'Expo 2015 e vincitore del bando Energy, Art end Sustainability for Africa, promosso da Eni e Expo.
L'OBIETTIVO: SUPERARE L'AGRICOLTURA DI SUSSISTENZA. Nello spazio urbano tutto si basa sull'uso sostenibile delle risorse da parte di ogni componente del villaggio. La gestione centralizzata delle risorse permette una loro distribuzione efficiente resa possibile anche dal miglioramento delle tecniche dell'agricoltura tradizionale e familiare. L'obiettivo del progetto è proprio consentire al Togo e al continente intero di superare l'agricoltura di sussistenza.
UN VILLAGGIO ISPIRATO ALLA TRADIZIONE AFRICANA. «L'organizzazione del villaggio - spiega il responsabile del progetto Komlan Dela Gake – è incentrata su una combinazione di geometria radiale e di geometria frazionata. La geometria radiale, perché ci permette di avere forme in una logica e in un simbolismo che per noi africani rappresenta l'unità e il gruppo. La geometria frazionata illustra la dimensione estensiva e ripetitiva del progetto». Il villaggio di Lomé, si ispira alla tradizione africana e vuole essere un modello da esportare in tutto il continente. È «una struttura concepita per essere sufficientemente autonoma e, nello stesso tempo, per aver risorse per provvedere agli eventuali bisogni» delle singole unità.
L'ALBERO DELLA VITA COME ELEMENTO CENTRALE. «Il nostro progetto - ha concluso Gake - vive di una simbiosi perfetta con la natura e ha come base logica un'organizzazione concentrica attorno a un elemento centrale che è l'albero della vita. Questo albero ha una doppia funzione: da un lato è fonte di approvvigionamento delle risorse per la vita, e dall'altro costituisce uno spazio di stoccaggio delle risorse e dei saperi per la comunità. La configurazione del villaggio rappresenta il pianeta intero».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso