Liberation
23 Maggio Mag 2018 1849 23 maggio 2018

Lettera aperta su Libé: in Italia libertà accademica a rischio

Dopo lo stop al convegno di Verona su diritto d'asilo politico e orientamento sessuale. «Ci indigniamo di fronte alla pretesa dell’estrema destra di imporre ciò che si può fare o dire nelle università».

  • ...

Diventa un caso accademico internazionale la decisione del rettore di Verona, Nicola Sartor, di sospendere il convegno su omosessualità e diritto all'asilo politico previsto per venerdì 25 maggio. Il giornale francese Libération ha pubblicato una lettera aperta di intellettuali ed accademici italiani e francesi dove si chiede a Sartor di rivedere la sua decisione presa, viene sostenuto, a causa delle pressioni dell'estrema destra «che sta salendo al potere in Italia» con la Lega. Lo stesso appello è stato pubblicato in Italia dal Manifesto.

TRA I FIRMATARI BUTLER E SARACENO. «Ci indigniamo di fronte alla pretesa dell’estrema destra di imporre ciò che si può fare o dire nelle università italiane - recita la lettera -, e ci preoccupa che il rettore di un’università, nel cedere a tali pressioni, incoraggi il loro moltiplicarsi. Chiediamo al rettore dell’università di Verona, malgrado le difficoltà del contesto politico italiano, di rivedere la sua decisione per preservare la reputazione internazionale della sua università nel campo accademico». Tra i firmatari Judith Butler, David Halperin, Lee Edelman, Chiara Saraceno, Donatella di Cesare, Joan W. Scott, Cristine Delphy, Eric Fassin, Simona Forti, Marco Geuna.

"A CHI TOCCHERÀ DOMANI?" «Oggi, sono gli studi di genere e le ricerche sull’immigrazione ad essere attaccate - continua la lettera -; ed è l’università di Verona che è nel mirino. Ma domani, chi, nel mondo universitario, potrà sentirsi al sicuro? Manifestiamo alle nostre colleghe e ai nostri colleghi, in Italia, tutta la nostra solidarietà perché sappiamo che, da loro così come da noi, bisogna essere vigili nel difendere le libertà accademiche, per non correre il rischio di vederle regredire, e insieme ad esse la democrazia». La lettera è consultabile anche sulla pagina Facebook di Lorenzo Bernini, docente all'Università di Verona.

Su Libération Tra le firmatarie: Judith Butler, Etienne Balibar, Paul B. Preciado, David Halperin, Lee Edelman, Chiara...

Geplaatst door Lorenzo Bernini op woensdag 23 mei 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso