Trenord Annuncio Zingari
caso
8 Agosto Ago 2018 1008 08 agosto 2018

Annuncio choc sul treno: «Zingari scendete»

Messaggio dall'altoparlante del regionale Milano-Mantova. Trenord ha scoperto che la responsabile è una sua dipendente. Ma Salvini: «Viaggiare sicuri è una priorità».

  • ...

Un annuncio choc sul regionale Trenord da Milano a Cremona e Mantova testimonia il clima di crescente intolleranza che si respira in Italia. «I passeggeri sono pregati di non dare monete ai molestatori. Scendete perché avete rotto. E nemmeno agli zingari: scendete alla prossima fermata, perché avete rotto i c...». Il messaggio, dato da una voce femminile attraverso gli altoparlanti di bordo, è stato sentito dai passeggeri del treno 2653 delle 12.20. Trenord ha subito aperto un'indagine interna, scoprendo che a diffondere l'annuncio a sfondo razzista è stata una dipendente dell'azienda.

DIPENDENTE A RISCHIO LICENZIAMENTO

Secondo La Provincia di Cremona, che ha riportato la notizia, molti viaggiatori hanno raccontato l'episodio sui social network e hanno informato via mail l'azienda di trasporto. «Ringraziamo i clienti per la pronta segnalazione. Quanto riportato è grave e inqualificabile», la risposta di Trenord. Inizialmente era stata presa in considerazione l'ipotesi che a diffondere il messaggio potesse essere stata una passeggera. Il dispositivo da cui si lanciano questo tipo di avvisi, aveva spiegato l'azienda, «non è in cabina e attraverso una manomissione può essere accessibile anche ai viaggiatori». I successivi accertamenti hanno però condotto a identificare la dipendente di Trenord che in quel momento era nel pieno delle sue funzioni. Ora per lei sono al vaglio diversi provvedimenti. E potrebbe arrivare anche il licenziamento.

MA PER IL MINISTRO SALVINI IL PROBLEMA È LA SICUREZZA

Intanto, su Twitter, è arrivato il commento del ministro dell'Interno Matteo Salvini: «Invece di preoccuparsi per le aggressioni a passeggeri, controllori e capitreno, qualcuno si preoccupa dei messaggi contro i molestatori. Viaggiare sicuri è una priorità!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso