Migranti: appello a Cei,fermate razzismo
Attualità
12 Agosto Ago 2018 1200 12 agosto 2018

Come ti smonto il piano Kalergi in sette punti

L'etnia italiana? È un'invenzione. Siamo già il melting pot genetico più vario d'Europa. La sostituzione? Ci vorrebbero tre secoli. Ecco come la ragione vince sul complottismo.

  • ...

«Non rispondere allo stolto secondo la sua follia, che tu non gli abbia a somigliare. Rispondi allo stolto secondo la sua follia, perché non abbia a credersi savio». Vale la pena citare il libro biblico dei Proverbi per inserirsi nei dibattiti populisti che oggi dominano il ciclo incontrollato delle notizie innescato dai social network. La Bibbia in questo caso aveva davvero ragione, confutare un'idea stolta può significare cadere nella trappola, ma non confrontarla significa anche darle forza e far crederle a chi la sostiene di essere nella ragione. È quello che viene in mente a dover ancora una volta tristemente notare come nei discorsi dei sedicenti sovranisti o anti-globalisti che dir si voglia ritorni spesso la teoria della cosiddetta «sostituzione etnica». Secondo questa tesi, citando direttamente uno dei tanti siti web estremisti che la declama: «La spinta multiculturale nelle società occidentali non è null’altro che un genocidio. L’obiettivo è quello di creare un gregge multirazziale senza qualità che sia controllabile dalle élite al potere».

KALERGI? PROPONEVA L'EUROPA UNITA CONTRO I CONFLITTI

La teoria ha anche un nome: "piano Kalergi". Si sostiene infatti che il politico e filosofo austriaco Richard Nikolaus di Coudenhove-Kalergi avesse già pianificato tutto in una serie di suoi saggi editi negli anni 20 del '900. Dopo la seconda guerra mondiale, l'idea messa a sopire durante l'ascesa dei fascismi, si sarebbe riaffermata clandestinamente grazie a Churchill, alla massoneria ebraica e poi alle sinistre europee. L’Unione Europea sarebbe un passo in questo percorso per realizzare il piano che qualche estremista definisce 'talmudico luciferiano'. In realtà Kalergi non c'entra nulla, il politico austriaco non fu un burattinaio occulto, ma solo uno dei primi teorici a suggerire la possibilità di un'Europa unita nel saggio Pan-Europa del 1923, un progetto che nel primo dopoguerra prese piede anche di fronte a un fragile tentativo di organizzare attraverso la Società delle Nazioni un primo organo sovranazionale in grado di risolvere pacificamente i conflitti. Tuttavia il contenuto degli scritti di Kalergi di cui fioccano virgolettati più o meno autentici ha poca importanza. Quella che conta nella retorica sovranista è che è in atto per dirla con le parole del Matteo Salvini pre-governativo: «Un'invasione, una pulizia etnica. Finanziata, voluta, organizzata (…) un tentativo di genocidio. Ci sono di mezzo l’Onu, l’Unione Europea, il Governo italiano».

DA MAGDI ALLAM A MELUZZI I TEORICI DEL COMPLOTTO

I sostenitori di questa tesi sono personalità diventate star dell’anti-globalismo come Magdi Cristiano Allam, già vicedirettore del Corriere della Sera, che dimenticando i suoi natali al Cairo ha scritto: «Stiamo subendo la sostituzione etnica della popolazione italiana. È una realtà oggettiva, frutto di una strategia deliberata, pianificata e finanziata. La maggioranza degli italiani non ne è del tutto consapevole e assiste passivamente a una eutanasia demografica che non ha precedenti nella storia». Oppure lo psichiatra ex deputato di Forza Italia Alessandro Meluzzi, molto seguito sui social, che ha accusato Papa Francesco di essere complice del piano: «Un Papa», ha detto in unintervista, «che sta riducendo la dottrina cattolica all’idea che tutta l'Africa possa entrare in Europa come se questo dovesse riequilibrare le colpe del colonialismo occidentale». È difficile anche fare la sintesi di tutte queste posizioni. Facendo uno sforzo si potrebbe riassumere questa teoria dicendo che l’immigrazione è una strategia pianificata e sostenuta dalle agenzie internazionali dalla chiesa cattolica (più di sinistra) e dal capitale (solitamente ebraico) che vorrebbe rimpiazzare la "razza" bianca o l'etnia indoeuropea con gli immigrati neri o afro-asiatici. Il loro compito è di lavorare a prezzi stracciati, diffondere criminalità e insicurezza, impoverire le classi medie europee e mischiarsi con loro per creare una popolazione meticcia succube del capitalismo e/o delle elite ebraico-massoniche. Più che una teoria politico-sociale sembra una sceneggiatura. Ma neppure Nicholas Cage accetterebbe di comparire in un film del genere. Se i fatti e i numeri hanno ancora un senso eccone alcuni.

1. L'INVASIONE? QUELLA FASCISTA IN ABISSINIA

Non è in atto nessuna invasione. Il primo significato che il dizionario Treccani dà di invadere significa: «Entrare con impeto, con violenza, con la forza delle armi in un territorio». Nessun Paese o popolo africano sta invadendo l’Italia, il contrario invece è accaduto nella ingloriosa stagione del colonialismo italiano iniziato tragicamente con l’ecatombe della disfatta di Adua del 1° marzo 1896 (7 mila morti e 3 mila feriti italiani nell'inutile tentativo di conquistare l'Abissinia) e finita con le rotte nel deserto del regime fascista durante la seconda guerra mondiale. L'immigrazione non è un fenomeno che riguarda tutta l'Africa, ma solo una parte del continente. Alcuni dei Paesi più popolosi (Congo, Kenya, Sud Africa, Tanzania) non hanno nessun impatto sull'immigrazione in Italia. L'immigrazione rimane un problema, se non si è in grado di gestirla, ma i dati di questi mesi non fanno penare a un'emergenza: nei primi sei mesi del 2018, i migranti sbarcati sulle coste italiane sono stati 16.935. Oltre 68mila in meno rispetto allo stesso periodo del 2017, un calo di oltre l’80%.

2. GLI ITALIANI SONO UN ESEMPIO DI MELTING POT

L'etnia italica non esiste. È quasi inutile dire che l’italianità per la Lega è una scoperta recente. Nel 2016 uno striscione esposto al raduno annuale del partito oggi dominato da Salvini recitava «Italia di merda. Secessione». Oggi invece si scopre che sotto attacco è un'etnia che nessuno sa definire. Secondo una ricerca pubblicata sul Journal of Anthropological sciences del 2014 l’Italia è il popolo più ricco di diversità genetica in tutta Europa. Dal Veneto alla Sardegna l'insieme delle differenze genetiche è fino a 30 volte maggiore rispetto a quelle che tra coppie di popolazioni europee geograficamente 20 volte più distanti. Gli italiani tanto difesi dagli slogan sovranisti sono già un melting pot di etnie e patrimoni genetici, uniti da una nazionalità, ma molto eterogenei tra loro. Gli italiani oggi sono in calo, ma solo perché fanno meno figli. Secondo i dati Istat da alcuni anni il bilancio demografico del paese è in calo. In Italia nel 2016 i morti hanno superato i nuovi nati di 140mila unità. Nel 2017 di 180mila. È come se ogni anno si svuotasse una città di medie dimensioni. Un trend che non pare destinato a cambiare. In Italia al 31 dicembre 2017 risiedono 60.483.973 persone, di cui più di 5 milioni di cittadinanza straniera, pari all’8,5% dei residenti a livello nazionale (10,7% al Centro-Nord, 4,2% nel Mezzogiorno). Di questi 5 milioni più della metà sono europei, solo il 20% viene dall’Africa.

3. LA SOSTITUZIONE È UN'ASSURDITÀ LOGICA

Il concetto di "sostituzione" è un'assurdità e se non lo fosse richiederebbe più di tre secoli. Se anche il "genocidio" dei cosiddetti italiani fosse in corso, il colpevole non sarebbero i migranti, ma il tempo. Ragionando per assurdo, mantenendo questi ritmi di calo demografico degli italiani e presupponendo che i flussi migratori dall'Africa continuino secondo i periodi di maggior flusso (dal giugno 2014 al giugno 2017 sono arrivate via mare in Italia 550 mila persone), un'eventuale razza italica sarebbe destinata a scomparire in circa tre secoli. È ovviamente un ragionamento del tutto privo di ogni logica perché come la storia dell’umanità ha sempre dimostrato nel corso di poche generazioni le etnie si mischiano.

4. SIAMO I TERZI INVESTITORI IN AFRICA

L’economia italiana cresce anche grazie all’Africa. Secondo un rapporto del 2017 della società Ernst & Young gli investimenti italiani in Africa sono in costante ascesa. Raddoppiati dal 2014 al 2015, l’Italia è il terzo paese non africano che investe nel continente dopo Cina e Emirati Arabi. Gli investimenti italiani valgono fino a 4 miliardi di dollari. Che l’Africa sia un’opportunità più che un pericolo lo sapeva bene anche la Lega Nord quando investiva parte dei soldi dei propri rimborsi elettorali in Tanzania, grazie alle manovre del segretario amministrativo federale del Carroccio Francesco Belsito.

5. L'ITALIA NON È MAI STATA COSÌ SICURA

L’Italia non è mai stata così sicura. I dati del «Rapporto sulla filiera della sicurezza in Italia» presentato dal Censis a giugno conferma un dato ormai già ampiamente noto. In Italia i reati sono in calo. L’immagine di invasioni barbariche e di stranieri che girano le strade a commettere crimini appartiene solo alla peggiore propaganda. Nel 2017 sono stati denunciati complessivamente 2.232.552 reati, diminuiti del 10,2% rispetto all'anno precedente. Gli omicidi sono al minimo storico, dai 611 del 2008 si è passati ai 343 dell'ultimo anno (-43,9%). Nel 1990 quando di immigrazione quasi non si parlava furono 1.770. Le rapine sono scese da 45.857 a 28.612 (-37,6%) e i furti scendono da quasi 1,4 milioni a meno di 1,2 milioni (-13,9%). Secondo i dati del ministero degli interni gli stranieri sono più predisposti a compiere reati, ma questo andrebbe inquadrato più in ragioni sociali che non etniche e in particolare è correlato allo status di migrante "illegale" dovuto all'istituzione del reato di clandestinità.

5. INTROITI FISCALI MAGGIORI DEI COSTI SOCIALI

Un’immigrazione regolata fa crescere l’economia. Anche l'immagine dell’immigrato che distrugge il mercato e impoverisce il Paese non esiste nei fatti. Un rapporto del 2014 dell’ Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (che forse i sovranisti penseranno al soldo di qualche plutocrate globalista) sostiene che i migranti fanno parte del 47% dell’ampliamento della forza lavoro negli Usa e del 70% in Europa. Non significa che rubano il lavoro, ma colmano i vuoti di interi settori produttivi compensando per l'invecchiamento della popolazione e il calo demografico. Dove l’inserimento regolare nel ciclo produttivo funziona meglio, l'impatto netto sull'economia dell'immigrazione è positivo, gli introiti fiscali sono superiori ai costi sociali.

6. GLI STRANIERI SONO QUATTRO VOLTE PIÙ POVERI

La povertà è in crescita, ma gli italiani stanno meglio. «I dati Istat», ha detto lo scorso 25 giugno il ministro Luigi Di Maio, «parlano del record di povertà dal 2005: ci sono oltre 5 milioni di poveri assoluti in Italia. Non è più possibile andare avanti così e non c’è più tempo da perdere. Il reddito di cittadinanza deve partire subito». Forse il ministro M5S vuole dare il reddito di cittadinanza anche agli immigrati. Il rapporto Istat si riferisce infatti ai "residenti" in Italia comprendendo anche gli stranieri, che sono i più bisognosi. Recita il documento: «Nel 2017 l'incidenza di povertà assoluta si mantiene più contenuta, e al di sotto del valore medio, tra le famiglie di soli italiani (5,1%), sebbene in aumento (era 4,4% nel 2016), soprattutto nel Mezzogiorno (da 7,5% nel 2016 a 9,1% nel 2017). Si attesta invece su valori molto elevati tra le famiglie con componenti stranieri: 29,2% in quelle di soli stranieri, che riportano valori superiori al 20% in tutte le ripartizioni, con il Mezzogiorno che supera il 40%. Per le famiglie miste il valore dell'incidenza è pari a 16,4, in calo rispetto al 2016».

7. IL 50% DEI FONDI UE PER IL CONTROLLO DELLE FRONTIERE

L'Unione europea dal 2007 al 2013 ha speso 4 miliardi di euro per finanziare le politiche di controllo dell'immigrazione. Gran parte di questi fondi, quasi il 50%, sono stati spesi per il controllo delle frontiere, solo il 17% - circa 700 milioni di euro - per sostenere le richieste d'asilo, l’accoglienza e la ricollocazione dei migranti. Una cifra alta, ma inferiore al valore di mercato delle cinque squadre di calcio maggiori di serie A (895 milioni di euro) e paragonabile al monte stipendi annuale di una prima divisione calcistica professionistica europea. L'immigrazione è senza dubbio un problema e con tutte le sue criticità e i suoi rischi potenziali è un fenomeno che deve essere affrontato con serietà. Parlare di "genocidi" e di "sostituzioni etniche" e di complotti "capitalistico-ebraico-massonici" è solo l'ennesimo tentativo per ridurre tutto a uno slogan adatto per aizzare la rabbia dei social e non risolvere mai il problema.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso