Ponte Morandi Viabilità Genova
Attualità
22 Agosto Ago 2018 2026 22 agosto 2018

Crollo del ponte Morandi, la nuova mappa della viabilità di Genova

Nuovo collegamento al porto per i mezzi pesanti. Riapertura anticipata della Genova-Milano. Ma il quartiere Borzoli torna soffocato dai tir. 

  • ...

Sono frenetici a Genova i lavori per modificare la viabilità ordinaria e ridurre al mimino l'impatto del crollo di ponte Morandi. Una rotonda in via Siffredi, tra Cornigliano e Sestri Ponente, dove si creava un 'tappo' vicino allo stabilimento Ilva, è stata per metà rasa al suolo. «Dal lato svincolo è già stata tratteggiata la nuova segnaletica», dice l'assessore alla Mobilità Stefano Balleari , «l'altra metà sarà sistemata nelle prossime ore, è stato necessario un aggiustamento». I test sul traffico hanno evidenziato la criticità dell'effetto collo di bottiglia dovuto alla rotonda. Al momento sono state create quattro corsie in direzione centro e quattro in direzione ponente, tra via Albareto e via Siffredi e la situazione dovrebbe migliorare.

NUOVA VIA TRA PORTO E AUTOSTRADA PER I MEZZI PESANTI

Inoltre sono partiti i lavori interni alle aree Ilva per creare una strada di collegamento tra porto e autostrada riservata ai mezzi pesanti. È previsto che sia pronta entro i primi 20 giorni di settembre. Ampliato inoltre il servizio di metropolitana, attiva dalle 5 del mattino e con maggiore frequenza nelle ore di punta: resta gratis tra Di Negro e Brin. Potenziato anche il servizio di trasporto via mare Navebus di Amt tra Pegli e il porto Antico, e quello dei treni urbani, almeno fino a novembre.

IL 27 PREVISTA LA RIAPERTURA IN ANTICIPO DELLA GENOVA-MILANO

Lunedì 27 agosto è in agenda che venga riaperta, in anticipo rispetto al previsto, la linea ferroviaria Genova-Milano chiusa per lavori. Autostrade ha deciso il pedaggio gratuito in tutto il tratto genovese con eccezione del casello di Genova Nervi.

BORZOLI TORNA SOFFOCATA DAI TIR

Intanto è emerso un altro asse caldo per la viabilità genovese ed è quello di Borzoli. Il quartiere che si arrampica sulle colline della Valpocevera, soffocato per anni dal passaggio di tir e auto, era tornato a respirare grazie a un'ordinanza che vietava il transito ai mezzi pesanti: al momento è però l'unica strada urbana di accesso al ponente e i camion sono già tornati. Il timore dei cittadini è che a settembre, con i rientri dalle ferie, la circolazione vada in tilt. «Bastano due camion che si incontrano nel punto sbagliato», dice Antonella Marras, portavoce dei residenti, «e tutto si ferma, ambulanze e mezzi di soccorsi compresi. Non possiamo vivere così».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso