Smog: allo studio una 'scatola nera'
Attualità
7 Dicembre Dic 2018 1326 07 dicembre 2018

Quando e dove è previsto il blocco del traffico per i veicoli diesel

Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto. Queste le regioni falcidiate dall'allerta smog. Lo stop degli Euro 4 è previsto sino a lunedì 10 ottobre in attesa di nuovi dati sull'aria. 

  • ...

La Pianura Padana è sotto una cappa di smog. Il pm 10 ha superato da diversi giorni i livelli consentiti dalla legge. E le grandi città come Milano, Rimini, Mantova, Rovigo stanno poccheggiando a causa delle emissioni di CO2 che ristagnano nell'aria. Anche per questo in molti comuni della Lombaria, in tutta l'Emilia Romagna, in parte del Piemonte e in quattro città del Veneto è stato imposto il blocco dei veicoli diesel sino all'Euro 4. Provvedimenti temporanei resi necessari e previsti dal Protocollo Aria sottoscritto delle Regioni del bacino Padano.

LE REGOLE DA SEGUIRE DOPO IL SUPERAMENTO DEI LIMITI DEL PM10

Oltre al blocco del traffico ci sono altre regole che privati e cittadini devono seguire. In primis il divieto di uso di biomasse per il riscaldamento domestico (in presenza di impianto alternativo) con classe di prestazione emissiva inferiore a 4 stelle. Necessario anche l'abbassamento del riscaldamento fino a un massimo di 19 gradi nelle abitazioni e 17 nei luoghi che ospitano attività produttive e artigianali. Il divieto di combustione all'aperto va di pari passo con il divieto di sosta con motore acceso per tutti i veicoli. Infine troviamo il divieto di spandimento di liquami zootecnici senza tenciche ecosostenibili.

BLOCCO DEL TRAFFICO IN LOMBARDIA

Il divieto di circolazione per i veicoli privati diesel Euro 4, secondo l'accordo sottoscritto da alcune Regioni del Nord Italia, prevede lo stop tutti i giorni dalle 8.30 alle 18.30, il divieto di superare la temperatura di 19°C nelle abitazioni e negli esercizi commerciali e il divieto di utilizzare sistemi di riscaldamento domestico a legna non efficiente. La disattivazione delle limitazioni temporanee si verifica solo ed esclusivamente dopo i due giorni di rientro nei valori definiti, previa certificazione della Regione Lombardia. Le limitazioni non riguardano però solo Milano, ma anche le province di Monza e Brianza, Pavia, Lodi, Cremona e Mantova dove si trovano municipi con più di 30mila abitanti, oltre a quelli aderenti su base volontaria. Le province di Brescia e Bergamo non sono interessate dal provvedimento così come quelle di Varese, Como e Lecco che hanno confermato valori medi inferiori al limite.

BLOCCO DEL TRAFFICO IN PIEMONTE

Sospeso a Torino, per lo sciopero dl trasporto pubblico locale di venerdì 7 dicembre, il blocco dei diesel fino a Euro 4 previsto sino al 10 dicembre 2018. Da sabato 8 dicembre dovrebbero ripartire le limitazioni in attesa dei nuovi dati sulla qualità dell'aria a inizio della seconda settimana del mese. In caso i provvedimenti dovessero essere estesi per una persistenza elevata di pm 10 nell'aria, i divieti potrebbero venire estesi anche ad auto e furgoni diesel fino a euro 5 immatricolate prima del 1 gennaio 2013 e a benzina con omologazione euro 1. Oltre a Torino i comuni interessati sono Beinasco, Borgaro Torinese, Collegno, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino, Orbassano, Rivoli, San Mauro Torinese, Settimo Torinese e Venaria Reale.

BLOCCO DEL TRAFFICO IN EMILIA ROMAGNA

Misure d'emergenza per lo smog anche in Emilia Romagna. A Bologna è previsto lo stop ai veicoli benzina euro 0-1 e diesel fino a euro 4, riscaldamenti abbassati in case e locali commerciali e divieto di biomasse nel riscaldamento domestico. In particolare, il blocco della circolazione è attivo nella fascia oraria compresa tra le 08:30 e le 18:30 sino a lunedì 10 dicembre salvo nuovi rilievi dell'aria da parte dell'Arpa. Le misure antismog sono previste anche a Ferrara, Ravenna e Rimini. A Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena e Forlì-Cesena i blocchi erano già scattati lunedì 3 dicembre.

BLOCCO DEL TRAFFICO IN VENETO

L’allerta smog ha investito anche il Veneto dove il blocco degli Euro 4 è scattato sempre sino a lunedì 10 dicembre a Padova, Vicenza e in provincia di Venezia. Il provvedimento non è stato adottato invece a Rovigo nonostante il superamento dei limiti sui pm10 per 14 giorni consecutivi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso