Polveriera araba
30 Marzo Mar 2011 1907 30 marzo 2011

Assad: «Siamo vittime di una cospirazione»

Siria: nuovi scontri a Latakia dopo il discorso del presidente siriano.

  • ...

«È un momento eccezionalmente difficile, ma ce la faremo, mi dispiace per le vittime». Così il presidente siriano Basher Assad ha cominciato il suo discorso in Parlamento il 30 marzo. «Una minoranza fomenta il caos usando lo slogan delle riforme», ha insistito Assad nel suo intervento.
Parlando degli scontri a Daraa Assad ha riferito di aver dato ordini precisi perché nessun cittadino fosse ferito. «La regione di Daraa nel cuore di tutti i siriani, la gente non ha alcune responsabilità per quello che è successo», sono state le parole del presidente siriano che nel corso del suo discorso ha attaccato duramente le televisioni di fomentare i disordini con video falsi.
«Le tivù panarabe con video e messaggi sms, da settimane fomentano la sedizione», ha infatti detto Assad, secondo cui il Paese sia vittima di un complotto non solo interno, ma anche esterno, sottolineando, però, come la Siria non sia isolata a livello interearabo.
Il presidente siriano ha concluso il suo discorso, durato circa 45 minuti, senza annunciare l'attesa abrogazione della legge d'emergenza, in vigore da 48 anni.
Un numero imprecisato di persone sarebbe rimasto ferito a Latakia, porto a nord-ovest di Damasco, durante scontri avvenuti circa due ore dopo la conclusione del discorso alla nazione tenuto dal presidente siriano Bashar al Assad. Lo riferiscono testimoni oculari citati dalla tivù panaraba al Arabiya.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso