Un uomo in manette.

'ndrangheta, lavori A3: estorsioni a ditte

Sei arresti a Reggio Calabria. Decine i danni provocati.

  • ...
Un uomo in manette.

Un'operazione dei carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria e della compagnia di Villa San Giovanni è stata portata a termine martedì 17 luglio con l'esecuzione di sei ordinanze di custodia cautelare nei confronti di presunti affiliati alla cosca Nasone - Gaietti di Scilla.
Dalle indagini coordinate dalla Dda reggina è emersa la capillare pressione estorsiva esercitata dalla cosca su imprenditori impegnati nei lavori di ammodernamento dell'autostrada A3.
Gli arresti sono la prosecuzione dell'operazione 'Alba di Scilla' portata a termine il 30 maggio scorso con 12 fermi. Decine, secondo l'accusa, i danneggiamenti effettuati dalla cosca sul territorio per imporre la forza intimidatrice della 'ndrangheta.
FONDAMENTALI LE DENUNCE. L'inchiesta ha potuto contare sulla collaborazione «preziosa», di alcuni imprenditori.
Questi, secondo gli inquirenti, hanno deciso di non sottostare al giogo mafioso e di denunciare le richieste estorsive.
Soprattutto le denunce di alcuni dipendenti dell'impresa taglieggiata, che hanno raccolto l'appello lanciato dai magistrati della Dda reggina il giorno della conferenza stampa dell'operazione 'Alba di Scilla', hanno fornito un apporto rilevante alla definizione dei dettagli di tutta la vicenda.

17 Luglio Lug 2012 0510 17 luglio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso