Caraibi, la tempesta Isaac flagella Haiti e Cuba

Due le vittime. Allarme in Florida slitta la convention repubblicana.

  • ...
Il lungomare di Enriquillo, nella Repubblica domenicana, al passaggio di Isaac.

Isaac, la tempestra tropicale nel Golfo del Messico che nelle prossime ore rischia di trasformarsi in uragano, prosegue inesorabile la sua corsa. E nei prossimi giorni dovrebbe raggiungere le coste della Florida dove si trova Tampa, la città che da lunedì 27 a giovedì 30 agosto prossimi ospiterà la convention nazionale del partito repubblicano, quella che incoronerà Mitt Romney come il candidato che il 6 novembre sfiderà Barack Obama per la Casa Bianca.
DUE VITTIME A HAITI. Nelle ultime ore la tempesta, con venti oltre i 100 chilometri orari, si è abbattuta sulla già martoriata Haiti provocando due vittime: un bimbo di otto anni e una donna di 50. Le tendopoli dove ancora oggi vivono migliaia di persone rimaste senza un tetto dopo il terribile terremoto del 2010, sono stati evacuati.
ALLARME A CUBA. Gli esperti del Centro nazionale urgani di Miami hanno spiegato che la prossima «vittima» di Isaac sarà la costa orientale di Cuba, dove si trova anche la tristemente famosa base americana di Guantanamo.
FLORIDA IN ALLERTA. Ma è in prossimità delle coste statunitensi che i venti potrebbero raggiungere la loro massima forza, con velocità oltre i 150 chilometri orari. Le previsioni sono di un uragano di categoria 1. Quanto basta per il governatore della Florida, il repubblicano Rick Scott, a decretare lo stato di massima allerta, così come ha fatto Bob Buckhorn, sindaco di Tampa, dove nelle prossime ore sono attese oltre 50 mila persone per la kermesse repubblicana che a causa di Isaac inizia martedì 28 e non lunedì 27.
Il primo cittadino, un democratico, nei giorni scorsi non ha esitato a dire che se la situazione dovesse precipitare non esiterebbe ad annullare la convention.
LA CONVENTION GOP. Il vicepresidente americano, Joe Biden, che avrebbe dovuto essere a Tampa proprio nei giorni dell'evento per «rovinare» la festa repubblicana, ha deciso di annullare l'appuntamento per non rendere più gravoso il lavoro di forze dell'ordine e di sicurezza di fronte all'eventualità dell'uragano.
Persino il Pentagono si è mobilitato, mettendo a disposizione dello Stato della Florida molti aerei ed elicotteri per affrontare un eventuale stato di emergenza.

25 Agosto Ago 2012 2226 25 agosto 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso