VIOLENZE
15 Novembre Nov 2012 1241 15 novembre 2012

Delitti in Corsica, Ayrault: «La mafia è all'opera»

Nell'isola 17esimo omicidio da inizio anno. Allarme criminalità.

  • ...

di Luana De Micco

La Francia faccia a faccia con la criminalità organizzata. Il corpo senza vita del presidente della Camera di Commercio della Corsica meridionale, Jacques Nacer, è stato ritrovato la sera del 14 novembre nel pieno centro di Ajaccio.
L'uomo, 59 anni, è stato ucciso da un colpo d'arma da fuoco sulla porta del suo negozio di abbigliamento. È il 17esimo omicidio compiuto nell'isola francese dall'inizio dell'anno.
UCCISO L'EX LEGALE DI COLONNA. Alcune settimane prima, era stato freddato sempre ad Ajaccio, uno dei più noti avvocati corsi, Antoine Sollacaro, ex difensore del militante nazionalista Yvan Colonna, l'omicida del prefetto Claude Erignac. Un fatto di cronaca che risale al 1998, ma che ancora traumatizza la Corsica.
ALLARME CRIMINALITÀ. «La mafia è all'opera», ha denunciato il primo ministro Jean-Marc Ayrault, che da Berlino ha inviato d'urgenza sull'isola due membri del governo. I ministri dell'Interno e della Giustizia, Manuel Valls e Christiane Taubira, sono arrivati in nottata, anticipando la visita in Corsica già prevista per la fine del mese.
È allarme criminalità nella regione: nell'isola di appena 300 mila abitanti si concentra il 20% dei regolamenti di conti di tutto il Paese. Si tratta della zona con il tasso di criminalità più alto in Europa.
UN'ARMA OGNI 10 ABITANTI. Nel 2011, 21 persone sono state uccise (erano 17 nel 2010) per lo più nell'ambito di operazioni della criminalità organizzata. La media annua è di 16 omicidi negli ultimi 20 anni. Si dichiarano circa 30 mila armi, una ogni 10 abitanti. Ora i responsabili politici locali chiedono allo Stato di passare dalle parole ai fatti.
PIANO ANTICRIMINE DEL GOVERNO. Lo stesso Ayrault il 22 ottobre scorso, pochi giorni dopo la morte del noto avvocato, ha illustrato un piano anticrimine che dovrebbe riuscire laddove 40 anni di governi non hanno ottenuto risultati.
Manuel Valls ha chiesto la collaborazione dei corsi per sconfiggere la legge dell'omertà che regna nell'isola, e Christiane Taubira ha assicurato protezione ai testimoni.
Lotta contro il riciclaggio del denaro sporco, incremento delle forze di polizia, migliore coordinamento tra le varie amministrazioni, giustizia, polizia e gendarmeria, invio sull'isola di magistrati specializzati e esperti: sono tra le misure annunciate da Ayrault e ribadite dai due ministri durante una conferenza stampa.
ASSASSINI IN LIBERTÀ. I corsi le avevano già accolte settimane fa con sospetto. Gli autori dei quattro omicidi commessi nelle ultime settimane sono infatti ancora in libertà. È fuggito anche l'uomo incappucciato che ha sparato alla testa a Jacques Nacer, morto pochi minuti dopo l'arrivo dei soccorsi.

(Ansa)

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso